L’incubo del “siamo appena tornati!”

Non c’è niente di peggio dell’incubo del “L’incubo del “siamo appena tornati!“. E’ un incubo per chi sta a sentire per ore aneddoti mai vissuti personalmente, un incubo per chi dovrà sorbirsi ore e ore di foto (perchè di foto se ne scattano migliaia e migliaia!), un incubo per noi che non ci svegliamo più con l’alba o il tramonto sul mare nei nostri occhi!

L'incubo del "siamo appena tornati!"

L’incubo del “siamo appena tornati!”

Oggi nella nostra fanpage su Facebook ho iniziato la giornata con un aforisma di Ann Landers che recita:

“Non si ha mai tanto bisogno di una vacanza quanto nel momento in cui vi si è appena tornati”

Pura e semplice realtà: a quasi due mesi dal rientro dalla crociera ai fiordi ciò che il mio cervello pensa al mattino appena si sveglia è ancora “in che porto siamo oggi?“.

Strano, bizzarro da capire? Non per un crocierista incallito: per noi questo è il pane quotidiano ad ogni rientro alla base!

E così ci ritroviamo ogni mattino post rientro, ad essere svegliati da un fastidiosissimo rumore lancinante di una sveglia odiosissima, che ci ricorda ogni santissimo giorno, con la precisione che le è dovuta, che il solito tran tran quotidiano ci aspetta!

L'incubo del "siamo appena rientrati!"

E allora ti alzi dal letto, doccia, insomma la solita routine: e nessun maggiordomo o cabinista che pensa a rimettere tutto in ordine, a darti i consigli giusti, a farti ogni favore ti venga in mente di chiedere!

Ti rechi al lavoro: alla stazione dei treni l’altoparlante gracchia e la mente viaggia all’istante in cui la direttrice di crociera annunciava il programma della giornata; o il suo vice che terminava ogni annuncio dato in 5 lingue con un Oh Yes!

Ma nella realtà è solo la solita lagnosa voce che annuncia l’ennesimo ritardo o l’arrivo di una coincidenza!

In macchina in mezzo al traffico, il discorso non cambia di molto: accendi la radio per non pensare ma lo spot di una compagnia di crociera o una canzone che hai ballato sino al mattino, ti riportano all’istante in uno stato di prostazione da “voglio essere a bordo ora!“.

L'incubo del "siamo appena rientrati!"

A lavoro poi nessuna buona nuova, nessuna entusismante iniziativa: tutto procede sino all’ora di pranzo, quando ti ritrovi da sola davanti ad un toast tristissimo e pensi con nostalgia al banco pasta-pizza, il mio preferito in assoluto, o al ristorante, dove ci sorprendevano ogni sera con piatti elaborati e vini d’annata che di solito non bevo, ma che in crociera non posso non sorseggiare.

Ma allora come sfuggire a questo trauma? Noi crocieristi incalliti lo sappiamo benissimo, perchè il nostro cervello ce lo ricorda ad ogni momento di sconforto quotidiano quando la mente vaga per i fatti suoi, senza controllo, ai ricordi che cominciano a sfumare e a perdere colore.

C’è un’unica alternativa: corri a prenotare! Ancora non hai prenotato?

E allora leggi, ti confronti in mille forum, sfogli cataloghi virtuali e non, telefoni in agenzia, confronti i prezzi: ecco ricomincia quella bella sensazione adrenalinica in cui il solo fatto di pensare alla prossima crociera, ti fa già stare meglio, ti fa svegliare con una motivazione in più.

L'incubo del "siamo appena rientrati!"

E ti da meno fastidio scorrere le foto, anzi ti fa venire in mente quell’itinerario speciale di cui avevi discusso col tuo compagno di tavolo a cena: a proposito, che fine avrà fatto? Su Facebook ci siamo trovati e salutati per due giorni, poi la routine ha preso il sopravvento e i contatti si sono diradati.

Ma non hai tempo per queste piccole cose che prima ti permettevano di tenere come una sorta di cordone ombelicale che ti faceva perlomeno passare le giornate: ora la tua testa è già in fermento, ora hai l’imbarazzo della scelta, ora devi utilizzare quello sconto sulla prossima crociera avuto a bordo, ora hai l’urgenza di scegliere, perchè scegliere significa prenotare e prenotare significa solo una cosa.

L'incubo del "siamo appena rientrati!"

Attendere con ansia ed adrenalina sempre crescente il giorno dell’imbarco, in un countdown che non importa quanto è lungo, ma che ogni mattina al risveglio ti fa avvicinare sempre di più alla tanto sospirata, ri-cercata, ri-voluta, ri-prenotata crociera!

Sono quasi appena rientrata sì, ma pronta a ripartire ad ottobre con ancora più carica! Buon mare e … -109 all’imbarco!

Dedicato con affetto ai miei lettori col countdown crociera come salvaschermo 🙂

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

06/07/2015  ore 12.41 – “Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se state effettuate modifiche

 

Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite

More Posts - Website - Twitter - Facebook - LinkedIn - Pinterest - Google Plus

Pubblicità

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *