Carnival fa rotta su Cuba

Nella settimana dei primati storici tra Stati Uniti e Cuba, Carnival Corporation ha ottenuto questo lunedì l’approvazione a salpare da Miami verso il porto di L’Avana dal mese di maggio.

Carnival fa rotta su Cuba

Carnival fa rotta su Cuba

Sono stati mesi di assoluta incertezza, sino a quando ieri c’è stato l’ok definitivo: le autorità cubane di Havanatur Celimar e altre agenzie hanno approvato l’offerta della società di crociera per il suo viaggio inaugurale il 1 Maggio a Cuba, la prima volta in più di 50 anni di chiusura totale per i viaggi in crociera dagli Stati Uniti a Cuba.

Per il momento saranno gli ospiti della nave da crociera Adonia, marchio Fathom, a poter mettere piede per primi nell’isola di Cuba: Fathom è il marchio di Carnival Corp. che si occupa di crociere all’insegna dello scambio culturale, che è una delle 12 categorie di viaggio approvate per l’isola.

L’annuncio di Carnival è arrivato poche ore dopo che il presidente Barack Obama ha stretto la mano al presidente cubano Raul Castro durante la storica visita del presidente Obama nell’isola, una prima assoluta per un presidente degli Stati Uniti in quasi nove decenni: un disgelo che ha avuto inizio nel mese di dicembre 2014 e che ha portato a numerosi cambiamenti politici che hanno reso più facile viaggiare a Cuba.

Nasce fathom, nuovo brand di Carnival Corp.

Il presidente di Fathom, Tara Russell, ha dichiarato che Carnival Corp. e Fathom hanno lavorato a stretto contatto con il governo cubano per ottenere l’approvazione: i viaggi di impatto sociale attendevano solo l’approvazione del governo di Cuba, che ovviamente aveva la responsabilità di verificare se le datate infrastrutture nei porti dell’isola potessero sostenere il traffico delle navi da crociera. La Adonia è una nave abbastanza piccola come stazza e quindi potrà attraccare in sicurezza.

Nel suo anno inaugurale a Cuba, Fathom offrirà un “turismo unito al volontariato“, con un impegno primario allo scambio culturale in loco, anche attraverso esperienze cubane a bordo, tra cui menù ispirati a piatti locali e lezioni di spagnolo: le date allo stato attuale non sono ancora esaurite, soprattutto in considerazione del fatto che ancora non si aveva certezza della possibilità di salpare verso l’isola, ma ora che l’ok ufficiale è arrivato, la stessa Fathom si aspetta che ciò avvenga in maniera rapida.

Rimane qualche problema legato anche al fatto che i cittadini profughi cubani, anche di lunga data, anche se con cittadinanza americana, non possano in alcun modo tornare in patria e questo crea qualche piccolo problema.

Nasce fathom, nuovo brand di Carnival Corp.

Nonostante il costo quasi raddoppiato rispetto ad altri viaggi in crociera, gli ospiti stanno apprezzando proprio l’esperienza stessa di viaggio, l’unire varie forme di volontariato con il relax di un viaggio, un’esperienza molto intensa e per cui le persone sono disposti a pagare, non importa quanto.

Cuba ha già cominciato ad ospitare crociere con MSC Opera, una nave di medie dimensioni, 2.679 passeggeri, che l’anno prossimo sarà affiancata da una seconda unità nel dicembre del 2016.

L’apertura di Cuba alle Compagnie di crociera avrà un effetto positivo sul resto del mercato caraibico, di per sè ormai saturo.

Nasce fathom, nuovo brand di Carnival Corp.

Ovviamente nascono problematiche di tipo logistico, perchè Cuba si sta appena aprendo a questo mondo e la formazione del personale e le infrastrutture sono ancora ad una fase che si potrebbe descrivere come embrionale: le stesse Compagnie, se vogliono espandere la loro presenza, dovranno aiutare il Paese a costruire questo genere di turismo sull’isola, che non si ferma solo al rimodernamento delle infrastrutture portuali, ma anche al far fronte alla mancanza di posti-albergo, come sottolinea Mark Conroy, a capo della Compagnia di lusso Silversea Cruises.

“La loro sfida più grande in questo momento è la capacità alberghiera. Noi siamo in grado di affrontare il problema che hanno nel breve termine, mentre costruiscono le loro infrastrutture a lungo termine”.

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

22/03/2016 ore 15.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.
Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite

More Posts - Website - Twitter - Facebook - LinkedIn - Pinterest - Google Plus

Pubblicità

Pubblicità

Lascia il tuo commento al post