fathom: che pasticcio la crociera a Cuba!

E’ diventata quasi una telenovela quella che doveva essere la prima crociera a Cuba di fathom, brand della galassia Carnival dedicato alle crociere impact+travel.

Fathom fallisce ispezione US Cost Guard: annullata prima crocieraFathom fallisce ispezione US Cost Guard: annullata prima crociera

fathom: che pasticcio la crociera a Cuba!

Prima cancella la sua crociera inaugurale perchè la Guardia Costiera non concede il permesso alla navigazione a causa di diversi problemi alle porte tagliafuoco: ora che finalmente questo problema è superato, nasce quello sollevato dagli esuli cubani a cui, per il momento, non è concesso arrivare via mare a Cuba, una disposizione post embargo per cui, secondo la legge cubana, non è consentito ai cittadini nati a Cuba di viaggiare da e verso l’isola in nave.

Carnival Corporation ha deciso di accettare tutte le prenotazioni, comprese quelle dei passeggeri nati a Cuba, certi che la situazione si sistemi entro il 1° maggio, data di partenza verso l’isola, la prima volta dopo 50 anni per una nave da crociera americana.

Fathom fallisce ispezione US Cost Guard: annullata prima crociera

 

Ma le polemiche, nonostante l’ottimismo della Compagnia, non si placano: manifestazioni si sono svolte nei giorni scorsi a Miami, porto di partenza e città con una comunità cubano-americana molto radicata. Sono proprio i nativi cubani fuggiti dall’isola e diventati cittadini americani che non possono tornare nella propria terra d’origine via mare, che stanno sollevando la questione: nei primi giorni le prenotazioni da parte degli appartenenti a questa fascia di popolazione, erano state come congelate, in attesa di una nota dal governo cubano che desse l’ok definitivo.

Ma questa sorta di congelamento non è andato giù a tante persone, perchè lesive della libertà e dei diritti civili, tanto che sono partite anche le azioni legali: la prima la raccoglie lo studio KozyakTropi&Throckmorton e Robert Rodriguez, che, per conto dei suoi due clienti cittadini cubano-americani Amparo Sanchez e Francisco Marty (a cui è stata negata la prenotazione su Adonia, la nave di fathom), ha avviato una class-action contro Carnival Corp. e di Fathom Travel Ltd (fonte La Stampa).

Fathom fallisce ispezione US Cost Guard: annullata prima crociera

Fathom fallisce ispezione US Cost Guard: annullata prima crociera

Da parte sua Carnival, tramite Roger Frizzel, CCO di Carnival Corporation, ha dichiarato che si sta attivando per chiedere un cambiamento nel regolamento e che si lavora per risolvere velocemente la questione, sottolineando che la decisione è imputabile a Cuba e non è una decisione del marchio fathom.

Sulla questione è anche intervenuto il Segretario di Stato americano John Kerry:

“I cittadini americani, cubani-americani, hanno il diritto di viaggiare, e non dovremmo essere in una situazione in cui il governo cubano continui la sua politica di discriminazione nei nostri confronti”.

Nasce fathom, nuovo brand di Carnival Corp.

 

Intanto i vertici Carnival continuano a confermare la prenotazione per tutti, confidando in un miglioramento della situazione, che, a questo punto, è decisamente paradossale: infatti è solo una limitazione circoscritta all’arrivo via mare, dato che per via aerea non ci sono vincoli.

In caso di non risposta entro la data della crociera e cioè il 1° maggio, la Compagnia di dice decisa a cancellare la partenza sino a che la situazione non venga chiarita. Un vero e proprio pasticcio che si spera possa venire risolto in breve tempo.

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

19/04/2016 ore 16.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.
Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite

More Posts - Website - Twitter - Facebook - LinkedIn - Pinterest - Google Plus

Pubblicità

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *