Terrorismo: innalzata a 2 l’allerta in tutti i porti italiani

Si innalza il livello di sicurezza in tutti i porti italiani destinati al traffico passeggeri e croceristico, per allerta terrorismo: a diramare l’allerta è stato il comando generale delle Capitanerie di porto che ha diramato l’allerta due.

Terrorismo: innalzata a 2 l'allerta in tutti i porti italiani

Terrorismo: innalzata a 2 l’allerta in tutti i porti italiani

E’ stato il governo a decidere la stretta più incisiva, a causa della minaccia del terrorismo, sebbene non ci siano segnali di particolari minacce dirette al nostro Paese, ma anche per il particolare aumento del traffico normale in questo periodo: cosa cambia per gli utenti?

I controlli si faranno più stretti, aumenteranno e saranno più approfonditi rispetto a quelli che già oggi impegnano le guardie private della security portuale: innalzamento particolare da 1 a 2, in una scala il cui massimo è il 3, nei porti dove fanno scalo navi passeggeri e da crociera.

Nello specifico sono previsti:

  • intensificazione di controlli e sorveglianza nei porti per individuare eventuali attività sospette
  • autorizzazione preventiva per l’accesso di tutte le persone nell’area
  • intensificazione dei controlli sulle banchine dove sono ormeggiate le navi
  • accesso al porto limitato a chi ne ha comprovata necessità
  • intensificazione dei controlli su container e merci caricate sulle navi.
MSC Preziosa: a Cagliari visita nave per il blog

© Ideaslab

Una disposizione che però potrebbe creare qualche problema nei porti: queste nuove misure significano controllare i documenti di identità a tutti, ma anche l’apertura del bagaglio o un check approfondito delle vetture, con controlli che dovranno arrivare fino alla metà dei passeggeri in transito, ossia il doppio di ciò che si attuava fino a ieri.

Le disposizioni riguardano solo i passeggeri delle navi da crociera e quelli dei traghetti e i costi saranno a carico del terminalista, che si vedrà costretta a richiamare più personale per evitare il collasso, che potrebbe coinvolgere anche la viabilità che circonda il porto, con la possibile creazione di code di macchine all’imbarco. In un periodo dove è impossibile reperire personale specializzato e in cui il traffico passeggeri è al massimo, la disposizione del governo potrebbe creare qualche malumore e soprattutto problema pratico.

La preoccupazione è comunque più alta per i traghetti mentre per chi sale in una nave da crociera i controlli sono comunque asfissianti da tempo, con i passeggeri che vengono tutti controllati nei documenti e nei bagagli, che passano tutti sotto i metal detector.

Nota: mi è capitato personalmente di vedere personale specializzato delle forze dell’ordine (antisommossa, anti-intrusione per nominarne solo due) salire a bordo delle navi da crociera in porto, a testimonianza che per il settore i controlli erano già stati innalzati da tempo.

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

11/08/2016 ore 19.40 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″

Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite

More Posts - Website - Twitter - Facebook - LinkedIn - Pinterest - Google Plus

Pubblicità

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *