Clia: superati i 22 milioni di crocieristi

Superati i 22 milioni di passeggeri: lo sostiene Clia, l’organizzazione internazionale delle compagnie di crociera, in un nuovo studio pubblicato ieri sul suo sito.

Clia: superati i 22 milioni di crocieristi

Clia: superati i 22 milioni di crocieristi

La cifra esatta è di 22,04 milioni i passeggeri, con un incremento del 68% rispetto ai 13,1 milioni di passeggeri del 2004 e una crescita dal 2013 del 3,4% (da 21,3 milioni di passeggeri).

L’edizione 2015 dell’analisi Clia sull’impatto economico del settore, uno studio indipendente commissionato al Business Research and Economic Advisors (BREA), rivela che il contributo complessivo della crocieristica all’economia globale ha raggiunto $119,9* miliardi nel 2014, in aumento rispetto ai $117 miliardi dell’anno precedente.

Questo dato include:

  • 939.232 dipendenti equivalenti a tempo pieno del settore
  • reddito registrato per dipendente pari a $39,3 miliardi.
  • spese dirette generate dalle navi da crociera, dai passeggeri e dai membri dell’equipaggio sono ammontate a $55,8 miliardi.

“La crocieristica è un’industria molto globale e dinamica”, afferma Cindy D’Aoust, amministratore delegato facente funzione di Clia.

“Nel corso degli ultimi trent’anni abbiamo registrato una crescita progressiva dovuta inizialmente dalla domanda proveniente dal Nord America, la quale si è estesa all’Europa e attualmente in Asia.

Di conseguenza, il settore crocieristico ha un impatto positivo sull’economia globale generando posti di lavoro, profitti e crescita di business in tutte le regioni del mondo”.

2015_clia_economic-impact-infographic-2

Paesi di provenienza dei crocieristi

I crocieristi provengono da ogni parte del mondo con in prevalenza una maggioranza di:

  • Nord Americani, il 55% equivalente a 12,2 milioni di crocieristi
  • Europei, il 29% equivalente a 6,4 milioni di passeggeri
  • Australia, Cina, Singapore, Giappone e Sud America, che insieme raggruppano il restante 16% ossia 3,5 milioni di passeggeri.

“Il potenziale di crescita dei nuovi crocieristi è enorme. Oltre a Nord America e Europa, le altre regioni del mondo costituiscono quasi l’85% della popolazione mondiale, tuttavia rappresentano solo il 16% dei crocieristi. Questo dato rappresenta un’enorme opportunità per la crocieristica”.

Where Cruise Passengers (Millions) Are Sourced From. Source: CLIA 2014 Economic Impact Analysis (PRNewsFoto/CLIA)

Where Cruise Passengers (Millions) Are Sourced From. Source: CLIA 2014 Economic Impact Analysis (PRNewsFoto/CLIA)

La situazione in Asia

Lo studio rivela che la crescita delle Crociere in Asia del 2014 rivela una crescita con tassi a doppia cifra, sia in termini di capacità che di mercato di provenienza dei crocieristi.

Le navi dislocate in questa parte del mondo dal 2013 sono aumentate ad un tasso di crescita annuo composto pari al 10% e il volume delle crociere e dei viaggi all’interno e attraverso l’Asia è aumentato dell’11%. La capacità dei passeggeri in Asia è aumentata del 20%.

“L’Asia è il miglior esempio dell’opportunità di crescita dell’industria crocieristica”, spiega D’Aoust.

“La crocieristica sta incrementando le visite in Asia e il volume dei passeggeri provenienti dall’Asia per il turismo crocieristico in tutto il mondo è raddoppiato dal 2012”.

Cruising's Top Ten Countries, Passengers (Millions) Sourced by Country. Source: CLIA 2014 Economic Impact Analysis (PRNewsFoto/CLIA)

Cruising’s Top Ten Countries, Passengers (Millions) Sourced by Country. Source: CLIA 2014 Economic Impact Analysis (PRNewsFoto/CLIA)

I primi 10 paesi al mondo

Ben l’88% dei passeggeri a livello globale proviene dai primi 10 Paesi classificati, equivalenti in cifre a 19,2 milioni di crocieristi.

La classifica vede l’Italia al terzo posto pari merito con Australia e Cina:

  • Stati Uniti, con 11,21 milioni di passeggeri rappresenta da solo oltre la metà (il 51%) dei passeggeri crocieristici a livello globale
  • Germania e la Gran Bretagna costituiscono il 15% dei passeggeri a livello globale (3,38 milioni)
  • Australia, Italia e Canada hanno oltre 800.000 passeggeri ciascuno e rappresentano il 12% dei passeggeri a livello globale
  • Cina, Francia, Spagna e Norvegia insieme rappresentano circa 2 milioni di passeggeri, o circa il 10% dei passeggeri a livello globale.

Il Paese con una maggiore crescita stimata è la Cina, con 480.000 passeggeri crocieristici in più dal 2012, una crescita di circa l’80%: di tutti i passeggeri di provenienza asiatica, cioè circa 1,4 milioni di crocieristi, la Cina rappresenta circa la metà del volume dei passeggeri a livello regionale nel 2014.

*Le Compagnie di crociera, i loro passeggeri e gli equipaggi, solo negli USA nel 2014, hanno raggiunto la cifra astronomica di $ 21.000.000.000, in crescita del 16% dal 2010, nuovo record statunitense delle spese nel settore delle crociere.

Fonte: studio Clia


Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

20/10/2015 ore 15.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e sarai sempre aggiornato sul mondo delle crociere!

Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite. Sono sarda e son dello Scorpione, amo la mia terra perché mi ha insegnato a capire il mare in tutte le sue sfumature!

More Posts - Website - Twitter - Facebook - LinkedIn - Pinterest - Google Plus

Pubblicità

Pubblicità