Epidemia di Norovirus a bordo di Pacific Eden

Un’epidemia di gastrointerite ha colpito 60 dei 1.500 passeggeri della Pacific Eden, flotta P&O Cruises.

Epidemia di Norovirus a bordo di Pacific Eden

Epidemia di Norovirus a bordo di Pacific Eden – ©Carnival Australia

La crociera è stata ribattezzata dai crocieristi “disastro galleggiante“, non solo per ciò che riguarda l’epidemia ma anche per ciò che in 12 giorni si sono trovati davanti i passeggeri (secondo i racconti e le immagini) : certamente un Natale da ricordare e non certo per ciò che normalmente si vive in crociera!

Una passeggera, intervistata dal Fairfax Media, descrive l’incredibile scenario in cui si è svolta l’intera vacanza, purtroppo poi rovinata dal virus che ha colpito sua figlia.

Pacific Eden era stata ribattezzata circa un mese fa con una doppia cerimonia: la nave precedentemente era la Statendam della flotta Holland America Line.

Come detto, purtroppo per chi era a bordo non è stata solo l’epidemia l’unico vero problema della nave: gli ospiti hanno riferito di bagni ammuffiti, una carenza di carta igienica, cabine allagate, perdite d’acqua e un servizio clienti a dir poco scarso.

Un commento tra i tanti:

“E’ stato peggio che alloggiare in un motel a una stella” ha riferito Cherie Butcherine, che viaggiava con il marito, la madre e la figlia Alexa.

“Non desideravamo altro che scendere a terra. C’era del cibo sparso per tutto il pavimento, il bagno era assolutamente disgustoso, era coperto di muffa”.

Il viaggio è iniziato decisamente male per i 1.500 passeggeri di Pacific Eden, in quanto la nave proveniva da una crociera che era già stata afflitta da episodi di gastroenterite, che normalmente prevede una sanificazione compelta di tutta la nave prima di poter garantire una nuova partenza (che in questo caso è avvenuta con 4 ore di ritardo rispetto all’orario convenuto).

Ma alcuni passeggeri si sono lamentati che il processo di pulizia era stato effettuato in maniera non approfondita.

“Il nostro bagno era pieno di feci che lo hanno bloccato. Abbiamo dovuto chiamare la manutenzione” ha riferito un altro passeggero, con alle spalle altre 10 crociere, che vuole rimanere anonimo.

Un pezzo di plastica Monika Gupta dice che suo figlio ha trovato nel suo panino.

I passeggeri hanno lamentato la lentezza del personale di bordo che era evidentemente in numero non sufficente ad intervenire per ripristinare la pulizia delle cabine a dovere, tanto che numerose cabine si sono trovate sprovviste di carta igienica e sapone, due elementi indispensabili in caso di contagio da norovirus.

La situzione si è aggravata quando la nave ha dato l'”allarme rosso“, dopo lo scoppio di un altro focolaio di gastroenterite.

I testimoni lamentano il fatto che, nonostante il personale medico sia stato disponibile oltre le aspettative, si è notata una certa riluttanza dell’equipaggio ad assumersi la responsabilità per lo scoppio dell’epidemia, tanto che denunciano il fatto che il Comandante continuasse a fare “annunci sull’epidemia riferendo che sempre più gente si ammalava e che era praticamente colpa nostra. E’ stato un incubo non vedevo l’ora di scendere” continua la signora Butcherine.

Una benna disposto a contenere acqua da una perdita a bordo Eden Pacific.

Un altro passeggero a bordo, l’ex candidato liberale Jaimie Abbott, ha denunciato il fatto direttamente nel suo profilo Facebook: lui ha avuto la cabina allagata da una perdita, ricevendo parecchi danni ai suoi oggetti personali.

Sotto un altro tweet al riguardo

Ha tuttavia lodato il personale della nave, dicendo che hanno fatto “tutto il possibile” considerando le condizioni in cui operavano.

Tutti i passeggeri coinvolti hanno fatto causa alla Compagnia per avere un risarcimento totale: una portavoce di P & O ha riferito a Fairfax Media che tutti i passeggeri che hanno avuto lamentele dovrebbero rivolgersi direttamente a loro  e che ogni problema avrà una soluzione personalizzata a seconda della gravità del caso.

“Le lamentele di pochi sono in contrasto con ciò che abbiamo sentito da altri passeggeri che hanno parlato di una vacanza fantastica” ha dichiarato ai media.

L’epidemia gastrointestinale è stata contenuta con successo e la nave è stata risanificata una volta giunta in porto.

“Si è trattato solo di un piccolo numero di casi di problemi di stomaco comuni, di norovirus, perciò i livelli igienico-sanitari sono stati attuati con successo su Pacific Eden, abbiamo potuto contenere la malattia.

Solo un piccolo numero di passeggeri sono stati colpiti per tutta la durata della crociera di 12 notti.

Come ulteriore misura preventiva stiamo portando avanti una maggiore pulizia della nave”.

Image credit: smh

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

29/12/2015 ore 16.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.
Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite. Sono sarda e son dello Scorpione, amo la mia terra perché mi ha insegnato a capire il mare in tutte le sue sfumature!

More Posts - Website - Twitter - Facebook - LinkedIn - Pinterest - Google Plus

Pubblicità

Pubblicità

Menu