Visitare Miami con la Go Card

Miami è una delle città che amo di più, mi piace quel suo essere americana, ma al tempo stesso caraibica, una mescolanza di lingue, inglese e spagnola e un’interazione di culture che forma un mix gustoso e pieno di sapori come un fruttato cocktail tropicale.

 Visitare Miami con la Go Card

Visitare Miami con la Go Card

I Caraibi sono una delle mete più gettonate e nel caso possiate realizzare questo sogno e la vostra crociera parta da Miami, concedetevi almeno due o tre notti di soggiorno per poterla visitare meglio.

Girare Miami ed orientarsi è abbastanza semplice, una volta che avrete capito come è strutturata la città, e a questo link trovate tutte le spiegazioni.

In questo topic cercherò di darvi un po’ di indicazioni e di suggerirvi quello che secondo me è il sistema migliore per poter visitare il più possibile in due giorni di permanenza.

Per prima cosa pianificate tutto in anticipo e una volta scelto l’albergo e in che quartiere sarete, potrete tracciare un percorso di massima da fare nei due giorni, per evitare di sprecare tempo.

Un sistema per risparmiare e vedere più cose è la Miami Go Card. Si tratta di un pass che è possibile acquistare per uno o più giorni e che consente di accedere a varie attrazioni e di effettuare visite guidate, solitamente in lingua inglese e spagnola.

 Visitare Miami con la Go Card

Il costo parte da 69 dollari per un giorno e il prezzo diminuisce in proporzione al numero di giorni. Per due giorni pagherete 105 dollari. Con questa card potrete anche fare l’escursione di un giorno a Key West o quella di mezza giornata alle Everglades.

L’acquisto è semplice, anche se non capite molto di inglese, basta cliccare quiselezionare il numero di giorni per cui volete acquistarla; vi si aprirà un’altra finestra in cui dovrete selezionare il numero di persone e alla fine dopo aver compilato il form dovrete effettuare il pagamento con carta di credito o paypal e vi arriverà automaticamente il tutto via email all’indirizzo che avete fornito. Potrete stampare la mail, o conservarla sul vostro device e mostrarla semplicemente agli addetti.

Tutte le attrazioni indicate sul sito sono comprese, alcune potete addirittura farle più di una volta, mentre altre non è possibile ripeterle.

Effettuando l’acquisto non dovrete indicare la data e il periodo di validità partirà dalla prima escursione che farete. Considerate solo che per giorno di inizio si intende quello corrente e quindi se utilizzate la card nel tardo pomeriggio, il primo giorno scadrà la sera stessa.

La card vale un anno dall’acquisto e nel caso non la attiviate potete chiedere il rimborso totale.

Vediamo come sfruttarla al meglio iniziando dal primo giorno.

Partenza al mattino, sicuramente presto dato che il fuso orario gioca a vostro favore. Raggiungiamo per prima cosa Bayfront Park, uno dei punti focali di Miami. Potete raggiungerlo col metromover o con gli autobus o con un taxi a seconda della zona in cui alloggiate.

Visitare Miami con la Go Card

Qui potrete facilmente individuare il punto da cui partono i Miami Big Bus, che è spostato verso Bayside Market Place

Con la vostra Go Card potrete usufruire del biglietto gratuito, basterà recarsi allo stand che vende i biglietti. Per attivarlo potete farlo solamente in questa fermata, dopo varrà per tutto il giorno.

Il Big Bus è un bus turistico a due piani che vi permetterà di fare il giro panoramico delle varie zone e inoltre potrete ascoltare le spiegazioni in varie lingue, grazie alle cuffiette che vi daranno a bordo.

Funziona come tutti i bus turistici, potete scendere alle varie fermate e risalire prendendone uno successivo. Con la Go Card potete accedere a questo tipo di escursione un’unica volta e quindi non potrete riutilizzarlo il giorno seguente.

Il Bus copre tre linee, la rossa e la blu e la verde, fate sempre attenzione a quale prendete.
Iniziamo il nostro tour con la linea rossa. Partiamo da Bayfront Park e ci godiamo la panoramica di Miami e le spiegazioni e procediamo fino alla fermata numero #20

Vizcaya & Miami Science Museum.

Appena scesi, dopo pochi metri trovate Vizcaya che merita sicuramente una visita.

Visitare Miami con la Go Card

Si tratta di una bellissima villa fatta costruire all’inizio del novecento per essere usata come residenza estiva da James Deering, uno a cui sicuramente non mancavano i soldi. Infatti la villa è tuttora arredata con i mobili originali, tra cui pezzi in barocco veneziano e inoltre non mancano marmi e suppellettili delle più pregiate. I giardini sono stupendi e degradano verso il mare. Una volta arrivati fronte mare vi apparirà una visuale unica dello skyline di Miami in una cornice che rimanda alle architetture veneziane.

L’accesso alla residenza è compreso nella Go Card e le visite iniziano alle nove di mattina.

Terminata la visita di Vizcaya riprendiamo il Big Bus, le fermate si riconoscono facilmente dal cartello che riporta il nome, sempre linea rossa e possiamo scendere alla fermata successiva, la #21

Coconut Grove

Questo è uno dei quartieri residenziali più belli di Miami, è il tipico quartiere “bene” della borghesia americana, con villette unifamiliari con il proprio giardino, curato alla perfezione.

Infatti dovete sapere che negli USA in quartieri del genere se non si tiene il prato rasato e il giardino ordinato si può incorrere in multe salate.

Per rendere meglio l’idea, la prima volta che l’ho vista mi è sembrato di essere sul set di “Desperate Housewife”

Visitare Miami con la Go Card

Nel centro di questo quartiere si trova un famoso centro commerciale, Coco Walk, non molto grande, ma abbastanza carino da farci un giro. Vi consiglio inoltre una tappa alla Cheesecake Factory, dove potrete trovare i più disparati tipi di Cheesecake.

DSCF0945 (3)

A Coco Walk potrete riprendere il Big Bus e proseguire fino alla fermata #23

Hotel Biltmore

Il Biltmore è un albergo extra lusso che risale al 1926 ed è uno dei più famosi e “famigerati” della città. Questo hotel vanta una delle piscine più belle e grandi al mondo e pensate che uno dei bagnini di questa piscina fu all’epoca l’attore Johnny Weissmuller, meglio noto come il primo Tarzan apparso nei film.

Visitare Miami con la Go Card

Biltmore Hotel

La cosa più particolare del Biltmore è la sua atmosfera leggendaria, si vocifera infatti che sia infestato dai fantasmi e quindi oltre ai normali clienti, se prestate bene orecchio, potrete ascoltare le voci dei famosi avventori che sono passati tra le sue mura, tra cui attori e famigerati gangster come Al Capone.

Visitare Miami con la Go Card

La piscina del Biltmore Hotel

Si può, volendo, prenotare una visita all’interno della struttura, trovate tutte le informazioni a questo link

Anche se non avete intenzione di entrare, fermatevi almeno per vedere il palazzo e scattare una foto ricordo all’esterno. Il paesaggio è davvero insolito, tra villette eleganti e una chiesetta bucolica, sorge questa imponente struttura che in parte stride con il resto del paesaggio, ma in fondo è questa la caratteristica di Miami, un miscuglio di culture totalmente diverse tra loro.

Visitare Miami con la Go Card

Non molto distante la Venetian Pool, alla quale potete arrivare a piedi oppure sempre con il Bus, si trova infatti a una sola fermata dal Biltmore Hotel.

Visitare Miami con la Go Card

La Venetian Pool

Questa piscina è molto particolare in quanto venne costruita in una specie di grotta corallina alimentata ad acqua sorgiva ed è anche possibile entrare a pagamento.

Sempre a bordo del Big Bus lasciamo Coral Gable e ci dirigiamo verso la fermata #26

Little Havana

Qui potete unirvi al tour guidato di circa un’ora.
E’ organizzato dallo stesso Big Bus ed è compreso nel pacchetto e quindi basterà seguire la guida che al termine vi riporterà alla fermata.

Visitare Miami con la Go Card

La Via principale di Little Havana

La popolazione di Miami ha una percentuale davvero notevole di profughi cubani che sono arrivati dall’isola di Castro con barconi improvvisati nel corso degli anni. A Little Havana hanno sempre trovato un punto di riferimento dove poter iniziare una nuova vita e rincorrere il proprio sogno americano.

Questo quartiere, inoltre, consente loro di lenire in parte la nostalgia per la madrepatria, in quanto si possono trovare locali, ristoranti e negozi con prodotti tipici cubani. E’ veramente una Cuba lontana da Cuba, anche se la vita dei profughi non è sempre a lieto fine. Parecchi hanno trovato nella nuova patria una propria identità e sono riusciti a integrarsi, ma non sono pochi i casi di coloro che invece non hanno avuto la stessa abilità o fortuna e sono andati ad aumentare le fila della criminalità organizzata.

Visitare Miami con la Go Card

Nel giro potrete anche degustare un caffè cubano e chiacchierare con il gestore della torrefazione che parla italiano e vi racconterà dei tempi in cui Cuba era sotto il dominio dittatoriale di Batista e della successiva rivoluzione.

Sentire raccontare da qualcuno che ha vissuto queste cose in prima persona è veramente un’esperienza unica, specie per chi come me ha già visitato in passato la bellissima Cuba.

Visitare Miami con la Go Card

La visita termina nella piazza dove i cubani si riuniscono per giocare a domino, uno dei loro giochi più popolari e lì potrete incontrare i vecchi pensionati che sono stati i primi a sbarcare a Miami. Sono persone molto socievoli e se fate loro qualche domanda vi risponderanno e cercheranno di farsi capire anche se non parlano italiano, in fondo lo spagnolo è facilmente comprensibile da noi italiani.

Visitare Miami con la Go Card

Se volete provare qualche specialità locale, vi consiglio il panino cubano che si chiama media noche, un mix di sapori davvero incredibili. E per gli appassionati è possibile acquistare sigari cubani da manifatture locali.

Visitare Miami con la Go Card

Terminato il tour di Little Havana e risaliti sul Bus è ora di tornare a Bayside da dove siamo partiti.

Scesi dal bus all’arrivo c’è un’ultima cosa che possiamo fare prima di rientrare in hotel:

Giro in Battello della Baia

Anche questo è compreso con la Miami Go Card. La compagnia è la Miami Boat Tour e nello spiazzo dove vi lascia il Big Bus trovate lo stand in cui presentando la Go Card vi consegneranno i biglietti.

Con il giro in battello potrete vedere oltre al porto di Miami, dove sicuramente sarà ormeggiata qualche bella nave da crociera, anche Star Island e Fisher Island.

Visitare Miami con la Go Card

Star Island è un’isola esclusiva e protetta dove si accede solo se si abita o tramite invito e quindi non è possibile visitarla via terra. Dal battello si possono ammirare le mega ville dei VIP, da cantanti e attori famosi come Alicia Keys, Beyoncè, Ricky Martin a nomi importanti nel mondo degli affari e dello sport.
Persino Al Capone si era costruito una mega villa su quest’isola esclusiva.

Insomma ogni VIP che si rispetti ha la propria “villetta” con mega piscina e tanto di molo di attracco e yacht privato, anche se poi in effetti per la maggior parte del tempo non sono abitate e vengono utilizzate solo saltuariamente.

Visitare Miami con la Go Card

Lo yacht e la villa di Alicia Keys

Noi comuni mortali possiamo solo accontentarci di vederle dall’esterno e sentire le spiegazioni fornite dalla guida, che oltre che in inglese sono anche in spagnolo.

Terminata la navigazione in battello, se ancora avete tempo, potete fare un giro all’interno del centro commerciale che si trova a Bayside, oltre a negozi ci sono anche parecchi ristoranti alcuni anche all’aperto. Inoltre collegato con un pontile, su una specie di palafitta si trova l’Hard Rock Cafè.

Con questo termina il primo giorno a Miami, ma ricordate che Miami è una città che non dorme mai e potrete continuare la vostra nottata nei locali alla moda per poi ripartire il giorno seguente alla scoperta di quanto può ancora riservarci questa città e gli immediati dintorni.

Image credits: Cinzia Marchisio all rights reserved

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

04/06/2016 ore 16:00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.
Cinzia Francesca Marchisio
Cinzia Francesca Marchisio

Cruise addict convinta, con la bellezza di 430 giorni di crociera alle spalle, in passato ha collaborato per otto anni con il portale di ItalianSubs, utente molto attiva in Cruise Critic, è inoltre admin di Croceristi per la vita

More Posts - Facebook

Pubblicità

Pubblicità