La mia prima Transatlantica con MSC Divina: emozioni infinite

MSC Divina – Porto di Madeira

Nel mese di marzo, come avrete notato dai vari post pubblicati sui nostri canali social, ero a bordo della MSC Divina durante il suo lungo ed emozionate viaggio di 21 giorni.

Una traversata quella della MSC Divina che, partita da Miami, ha solcato per giorni l’Oceano Atlantico per far rientro in Italia dopo diversi anni, facendo sosta in:

  • città mozzafiato come New York;
  • alla scoperta di paesaggi stupendi come le Azzorre;
  • da itinerario avrebbe dovuto raggiungere le Bermuda (poi saltate per via del forte vento), sostituite inaspettatamente dalla bellissima Madeira;
  • infine un’emozionante passaggio in notturna dello Stretto di Gibilterra, che da un lato mi ha rattristito, perché si concretizzava l’effettivo ritorno, ma dall’ altro mi ha emozionato profondamente.

www.msccrociere.it

E’ stato un immenso piacere per me e per altri 700 italiani aver riportato la MSC Divina a casa: un itinerario da sogno sia sulla carta che nella realtà, gettonatissimo appena aperte le vendite.

Non si è parlato di altro nei forum e su Facebook, soprattutto nei mesi precedenti la partenza; a bordo sapevamo che si sarebbe materializzato un sogno e che attraverso le nostre foto lo avremmo fatto vivere anche a tante persone.

Questo per me è stato il viaggio più bello (per ora), fatto di attesa – quasi 800 giorni dalla prenotazione – di emozioni che crescevano giorno dopo giorno, addirittura istante dopo istante e dal quale devo ancora riprendermi.

Un viaggio particolare, voluto fortemente (perché bisogna fare i conti anche con il lavoro, 21 giorni sono tanti) e costruito in ogni particolare insieme ad amici conosciuti dapprima sui forum e poi a bordo.

Malaga

I giorni precedenti il viaggio sono sembrati infiniti e mi è capitato di dover rispondere alle classiche domande da pre-traversata degli amici, “ Ma se trovi mare mosso per 5 giorni?” oppure “Non hai paura di annoiarti?”. No, io il dubbio non me lo sono posto, perché la voglia di partire era tanta e l’idea di passare così tanti giorni a contatto con il mare è stata più forte di qualsiasi cosa, anche del problema cosa mettere in valigia dovendo affrontare più temperature (dai 26 gradi Miami, sottozero di New York, che ci ha sorpreso con la neve, ai 18 gradi delle Azzorre).

Portogallo – Cabo da Roca

E’ stato un itinerario talmente coinvolgente che ogni mattina mi svegliavo e aprivo la tendina dell’oblò della mia cabina, con l’entusiasmo di un bambino, per vedere cosa mi avrebbe regalato il mondo quel giorno.

Da un’ottima idea non poteva che nascere una splendida vacanza dettata da un crescendo emozionale.

Ponta Delgada – Lagoa do Fogo

Perchè ho scelto una crociera transatlantica? Per i giorni di navigazione essenzialmente, per me sono stati i giorni del relax allo stato puro; non sono una persona che segue l’animazione ma le attività sono veramente tantissime a volte con l’imbarazzo della scelta: per me i quiz internazionali a squadre sono stati un bel passatempo, come la palestra, l’idromassaggio e le lezioni di Tai Chi, per non parlare poi della festa a bordo piscina come quella del dio Nettuno attesa da tanti, una festa colorata e divertente che segna il passaggio del tropico.

Attività pensate per una clientela essenzialmente adulta (i bambini si potevano contare sulle dita della mano) e come sempre molto varie: da quelle più dinamiche come le lezioni di Fit Dance a quelle più statiche come le lezioni di pittura e la sempre presente lezione di origami; ho apprezzato molto le conferenze sui porti, durante le quali una ragazza dello staff ci presentava le città in itinerario dando informazioni utili per le visite in fai da te.

I momenti più belli sono stati soprattutto quelli in solitudine quando raccoglievo i miei pensieri, fissando la coltre di acqua che mi circondava: bellissima la sensazione di quando sei nel bel mezzo dell’Atlantico lontano da tutto e noti che il colore che domina è il blu, quasi non si sa dove finisce il mare e dove inizia il cielo.

Durante la navigazione

Perché ho scelto proprio questa transatlantica? Solo per New York potrei dire! Mi direte ma non facevi prima a prenotare un volo e farti una settimana nella ‘grande mela’? Io vi rispondo: avrei perso la bellezza della navigazione lenta lungo il fiume Hudson e l’ammirare lo skyline più famoso al mondo con le luci del nuovo giorno, uno degli spettacoli più emozionati e affascinanti della mia vita. Il fatto che a farci da casa per così tanti giorni fosse poi una delle navi della MSC Crociere più belle della flotta secondo i miei gusti, è stato un valore aggiunto: dotata di ogni confort per le lunghe traversate e di stabilizzatori tra i più moderni, abbiamo goduto di una piacevole navigazione anche nell’Atlantico, con quel tocco di stile italiano negli arredi e nella cura dei particolari che la caratterizzano.

New York – Skyline

Diciamoci la verità prima o poi una transatlantica “s’ha da fare” è un’esperienza diversa, unica nel suo genere. Sono molto soddisfatta della scelta e credo proprio che ne rifarò altre di Grand Voyager.

In attesa della prossima crociera che mi vedrà di nuovo a bordo della MSC Divina, questa volta in giro per il Mediterraneo, vivo di ricordi e attraverso le foto scattate, come una giapponese impazzita qua e là per il mondo, spero di farvi sognare ancora con i miei racconti durante le prossime settimane.

Valencia

Un consiglio a tutti coloro che avranno la possibilità di fare la mia esperienza: l’itinerario parla da solo, preparatevi a godere le meraviglie che la natura vi regala e fatevi rapire dalle grandi metropoli che visiterete, ma soprattutto emozionatevi nell’osservare le città dalla meravigliosa prospettiva del mare, che solo noi croceristi possiamo raccontare.

Msc Divina – Veduta di Manhattan

Forse, il fascino delle crociere è proprio questo!

Alla prossima!

 

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

17/04/2018 ore 13.00 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″
Licenza Creative Commons

Rosamaria Caputo
Rosamaria Caputo

Mi è bastata una sola crociera per essere colpita da crocierite acuta. Dallo spirito attivo e intraprendere, sono sempre a caccia di promo e pronta a fare la valigia! Adoro viaggiare e scoprire posti nuovi

More Posts

Follow Me:
Facebook

Pubblicità

Pubblicità