Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

Il battesimo di una nuova nave rappresenta da sempre un momento unico, ricco di emozioni e di momenti magici da portare nel cuore: a Genova, cornice meravigliosa, è avvenuto quello della nuova ammiraglia di MSC Crociere, MSC Seaview.

Partita all’alba per arrivare in tempo utile, MSC Seaview si staglia di poppa davanti a noi in tutta la sua incredibile, elegante mole: un design caratteristico, diverso, spesso descritto come strano, lo definirei invece innovativo, capace di regalare visuali uniche in navigazione e non solo.

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

Espletate le formalità di rito e ricevuto il braccialetto interattivo, oltre ad alcuni gadget e materiale informativo, si sale a bordo e come sempre ci accoglie il tipico profumo di tutte le unità MSC Crociere, che ti fa sempre sentire a casa. Si corre a posare la valigia in cabina, prima di iniziare ad esplorare questa Signora dei mari.

La cabina con balcone che mi è stata assegnata si trova al ponte 15 ed è la 15090, con vista sul ‘matitone’ e la lanterna.

Perfetta per una coppia, è arredata in maniera elegante, con un divano vicino alla finestratura tutta altezza che si apre sul balcone, dove fanno capolino due sedie ed un tavolo. L’armadio è standard, uguale in tutte le nuove navi, con un’anta nella quale son presenti vari cassetti oltre alla cassetta di sicurezza ed un’altra con lo spazio per appendere gli abiti.

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

L’esplorazione è coadiuvata dall’architetto Marco De Iorio, che ci spiega moltissimi particolari tecnici: MSC Seaview è una nave molto diversa dalle navi da crociera precedenti, è molto più ‘estroversa’.

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

Marco de Iorio

Mentre le precedenti sono tutte sviluppate agli interni come spazialità, Seaview ha sì delle zone interne sviluppate in maniera funzionale per la circolazione e il divertimento ma ha molti più spazi aperti, con passeggiate laterali a pavimentazione trasparente che consentono un incedere con visuale sul mare, la piscina di poppa più bassa e vicina all’acqua che permette una sorta di continuazione quando la nave attraccherà all’isola privata ai Caraibi.

Ha insomma una spazialità diversa, concepita per assicurare un veloce raggiungimento delle aree d’intrattenimento: per questo motivo è sviluppata in due poli verticali, con distanze brevi che creano una sorta di loop su 4 ponti, dal 5 all’8.

Qui si concentrano tutto e si assicura un veloce spostamento all’interno, oltre ad agevolare la scelta tra esterno ed interno senza dispersione.

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

Infatti uno dei grandi problemi delle enormi navi da crociera è proprio quello della circolazione ma in questa nave, proprio utilizzando questa soluzione ‘a loop’, è stato agevolato.

L’esplorazione prosegue con la scoperta della Spa, un’area di 2.410 metri quadrati dedicata al benessere, in stile Balinese, per rigenerare corpo e anima. Si compone di:

  • sale massaggi e trattamenti
  • area termale con ‘camera della neve’, ‘del sale’, saune, bagno turco, piscina, docce emozionali e Kneipp, aree relax interne ed esterne comprese
  • saloni di bellezza a firma Jean Louis David
  • barber shop.

Un altro interessante stop è al Venchi 1878 Chocolate Bar, dove ci attende Giovanni Battista Mantelli, direttore commerciale e anima creativa di Venchi, che ci introduce in un mondo goloso in cui il cioccolato è il Re indiscusso, con un punto imprescindibile ossia l’utilizzo di ingredienti di estrema qualità, come le nocciole piemontesi Igp e i pistacchi di Bronte, per garantire l’eccellenza di un prodotto unico.

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

Giovanni Battista Mantelli

Dalla bacca sino all’ultima creazione della storica azienda, l’esperienza al Venchi è un crescendo di sapori e sensazioni, dove i maestri cioccolatieri, preparati dal marchio, propongono le proprie creazioni: è un’apoteosi di esperienze, in cui ci viene descritta tutta la vita di una pralina di cioccolato, dall’amaro ma con note dell’amarone della bacca, sino al dolce ed avvolgente sapore del cioccolato al latte, semplicemente divino, dalla tazza di cioccolata in tazza all’aperitivo curioso, un ‘bollicine’ arricchito di piccole pepite di cioccolato, sino alla golosissima pralina sfusa e al gelato.

Lasciate le golosità al cioccolato, si continua il tour e quello che mi affascina sono gli elementi decorativi di design di Seaview: dalle lampade alle poltrone, ai quadri alle pareti, ogni sala ha la sua caratteristica distintiva.

Ad esempio, è curioso il Garage Club, con il suo arancione dominante, e i particolari posti in bella mostra, come la Vespa o la macchina ma anche l’elegante Sports Bar, con le sue poltrone di design e i suoi spazi intimi nei quali chiacchierare o guardare le partite o in piccoli gruppi oppure comodamente da soli.

Insomma, questa bianca Signora dei mari, col suo peso superiore a 153 mila tonnellate di stazza lorda (e 323.3 metri di lunghezza, 41 di larghezza e 72 di altezza, 5.179 passeggeri, 1.413 membri dell’equipaggio), promette, e soprattutto mantiene, di provare un’infinità di esperienze, con un target di riferimento che è un pubblico giovane, in cerca sia di divertimento che di relax.

Anche le cabine permettono una scelta in base alle proprie esigenze, con la presenza di sistemazioni per famiglie o gruppi di amici, di suite con vasca idromassaggio nel balcone, oltre alle classiche interne e balcone.

L’esclusivo Yacht Club – la famosa “nave nella nave” – è ampio e oltre a sistemazioni deluxe, consente un servizio con tanto di maggiordomo dedicato h24, ristorante privato, ampia zona sole, piscina e idro. Un’oasi di pace a prua della nave, dove godere di un panorama in navigazione unico!

L’intrattenimento serale vede come punta di diamante gli spettacoli in stile Broadway, di cui abbiamo avuto un assaggio durante la cerimonia di battesimo, in cui esibizioni acrobatiche si mixano a parti cantate, con costumi di scena spettacolari; ma si svolge anche nel bellissimo atrio, con i suoi sontuosi schermi sviluppati in altezza, dove si svolgono flash mob e si festeggia la sera, ci si scatena in balli e si beve qualcosa.

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

I divertimenti a bordo non sono terminati: da provare assolutamente la Zip Line, che permette un volo per 105 metri dal punto più alto della nave; oppure una ‘tranquilla’ passeggiata sul Bridge of Sights detto anche Ponte dei Sospiri (e indovinate perché), in omaggio all’omonimo ponte veneziano, che permette una vista da 40 metri di altezza verso il basso, grazie alla sua pavimentazione in vetro: i sospiri sono assicurati e io, che notoriamente soffro di vertigini, non posso che osservarlo dal basso!!!

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

Il viaggio d’esplorazione continua con gli incontri a tema culinario: tra le proposte di sei ristoranti tematici, spiccano il ristorante dello chef stellato Ramón Freixa, che si racconta in maniera simpatica e dona anche un piccolo segreto culinario ai presenti, e quello che fonde i sapori della tradizione giapponese con le influenze europee ed americane (hawaiane in particolare), del cuoco Roy Yamaguchi, che abbiamo avuto occasione anche di assaggiare durante il tasting dei ristoranti e che mi ha piacevolmente sorpreso, per bontà e qualità incredibile delle materie prime scelte. In bocca un’esplosione incredibile di sapori.

Il ristorante abbinato alla mia cabina è il Silver Dolphin ma per praticità (a parte la cena), ho spaziato tra l‘Ocean Point Restaurant & Buffet, che al ponte 16 ha a disposizione 450 posti a sedere per una superficie di 1.050 metri quadrati, con un buffet più limitato nella scelta ma con prodotti di qualità, tra i quali spiccano i sempre preferiti dai bimbi, ossia pizza, patatine, hamburger e hot dogs. È il buffet più piccolo, mentre il Marketplace Restaurant & Buffet al ponte 8, offre 1.000 posti a sedere sviluppati in 2.071 metri quadri, è ben più grande e con una scelta più ampia, dai piatti tipici della tradizione mediterranea a quelli internazionali. Inoltre è presente un’area ‘Fruit and vegetable market‘ che offre fresche insalate ed opzioni decisamente dedicate a chi ama mangiare sano. Ci sono 13 differenti stazioni e la cucina aperta  permette di vedere i cuochi in azione.

I ristoranti principali sono il Golden Sand Restaurant (922 posti a sedere in 1.670 mq) e il Silver Dolphin (806 posti a sedere in 1.475 mq), dove vengono serviti piatti internazionali: il menù cambia ogni giorno e gli ingredienti utilizzati sono sempre freschi, la pasta servita è ‘fatta in casa’ a bordo, ed è possibile anche usufruire di speciali menù dedicati a chi segue l’alimentazione vegana e vegetariana, oltre a speciali menù per i bambini. chi ha allergie, può specificarlo già in fase di prenotazione e ricordarlo al Maître d’Hôtel prima di essere serviti.

I ristoranti di specialità sono invece:

  • l’Atelier Bistrot, al ponte 8, molto carino, con soli 77 posti a sedere in 670 mq, per un’esperienza alla francese, che serve formaggi francesi, escargots de Bourgogne, Foie Gras de Canarde, dessert ed altri gustosi piatti della trazione d’oltralpe;
  • il Butcher’s Cut, al ponte 16, con un’offerta di 72 posti a sedere sviluppati in 225 mq, una steak house che serve tagli di carne provenienti da tutto il mondo;
  • l’Ocean Cay Restaurant by Ramón Freixa, al ponte 16, con 40 posti a sedere sviluppati in 130 mq, lussuoso ristorante di pesce in partnership con lo chef due stelle Michelin, in cui gustare ingredienti freschi e un range di piatti squisiti tra cui ostriche, gamberi, aragoste, polpo, tonno e tanto altro, cucinato con il sapiente tocco di Frexia;
  • l’Asian Market Kitchen by Roy Yamaguchi, sempre al ponte 16, in partnership con il visionario cuco Yamaguchi, che offre tre distinti punti ristorativi a tema asiatico: Il Pan- Asian ( 72 posti a sedere in 100 mq), il Sushi Food Bar ( 12 posti a sedere in 170 mq – provatelo perché ne vale la pena) e il Teppanyaki (32 posti a sedere in 100 mq).

A bordo è un via vai continuo, d’altronde si tratta di un evento di gala internazionale, al quale parteciperanno personaggi amati dal pubblico e che riusciamo ad intravvedere in giro per la nave: con Lorella Cuccarini riusciamo anche a fare un simpatico selfie (con me Filippo Fucci di Dreamblog e Valerio Denaro di Crocieristi.it!

Benvenuta MSC Seaview, nuova e sorprendente ammiraglia MSC Crociere

La cerimonia di battesimo che si svolge in secondo giorno che sono a bordo, è presentata da Michelle Hunziker.

Durante la serata si sono esibiti:

  • Zucchero, padre del blues italiano;
  • Lorella Cuccarini che ha introdotto le giovani voci del Piccolo Coro Dell’Antoniano, piccoli ambasciatori dell’UNICEF;
  • Matteo Bocelli, figlio del celebre cantante che a dicembre scorso si è esibito a Miami alla cerimonia di battesimo di MSC Seaside, la nave gemella di MSC Seaview, e che ha introdotto l’emozionante momento della Parata degli Ufficiali, in onore degli uomini dell’equipaggio per ringraziarli per il loro impegno a bordo.

La madrina Sophia Loren, parte della famiglia di MSC Crociere che ha battezzato l’intera flotta, ha tagliato il nastro che porta la bottiglia di champagne a infrangersi contro lo scafo, suggellando così ufficialmente il battesimo della 15esima nave della compagnia.

La serata di gala è proseguita con una cena e il grande spettacolo di fuochi d’artificio che ha introdotto il concerto di Zucchero sul ponte piscine, un momento in cui scatenarsi e ballare di fronte all’incantevole scenario di una Genova in notturna davvero emozionante e che personalmente mi riporta alla memoria ricordi stupendi.

Il mio sbarco avviene all’alba, a causa dei collegamenti aerei per la Sardegna davvero scandalosi (ma non è una novità per noi isolani): scortata in un enorme van con targa personalizzata MSC 2, da sola, io e l’autista donna davvero bravissima, mi son goduta in totale silenzio la bellezza di MSC Seaview illuminata a giorno. Arrivederci bella Signora dei Mari, è stata un’avventura incredibile!

Un ringraziamento va alla Compagnia e a tutto il personale a noi dedicato, che ci ha assistiti da bordo in maniera egregia (per quel che mi riguarda). Buon mare!

VIDEO di MSC Seaview

Delivery Ceremony

Un riassunto delle emozioni il giorno del battesimo

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

11/06/2018 ore 10.30 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″
Licenza Creative Commons

Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite. Sono sarda e son dello Scorpione, amo la mia terra perché mi ha insegnato a capire il mare in tutte le sue sfumature!

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle PlusYouTube

Pubblicità

Pubblicità