Metti una giornata a bordo di Costa Diadema…Foto Reportage

Metti una giornata a bordo di Costa Diadema...

Metti una giornata a bordo di Costa Diadema, in una mattinata tutto sommato clemente per essere Dicembre: metti l’attuale ammiraglia della flotta, con un soprannome ‘la Regina del Mediterraneo‘ che la dice tutta sulla sua immensità; si staglia in un bianco abbacinante in netto contrasto col cielo di un azzurro chiaro punteggiato da insignificanti ed eteree nuvole.

Non importa se a bordo di questa bianca Signora dei mari ci si è già saliti mille volte, perché ogni imbarco, piccolo, grande, breve o lungo che sia, ha una storia a sé.

Che a volerla ogni volta raccontare pare di ripetersi ma così non è: ne sanno qualcosa gli ammalati di crocierite cronica, quella che ti assale quando al prossimo imbarco ci vuole un po’ di tempo, quella che ti fa mancare l’aria quando scorri le foto di chi invece è ancora a bordo, quando semplicemente ti appare in TV l’ultimo spot della Compagnia e i ricordi partono in automatico! A noi basta ogni volta respirare ‘aria di casa‘ per vederci con il sorriso stampato sulla faccia, una felicità difficile da spiegare a chi, su una nave da crociera, mai e poi mai ci metterebbe il piede!

Metti una giornata a bordo di Costa Diadema...

Questa volta è solo per poche ore ma è la giusta scusa per scattare due foto, di quelle che ti rimangono nel cuore: le emozioni forti partono, manco a dirlo, dal primo passo verso la passerella d’imbarco. Ti guardi intorno e percepisci quanto piccoli si può essere al cospetto di sua Signoria Diadema. Le scialuppe e i grandi ombrelloni gialli sono l’unico tocco di colore in tutta l’immensità bianca delle fiancate, quasi un fortino a nascondere la brillantezza dei colori interni, sfavillanti e ricchi di luccichii ovunque si volga lo sguardo! Fatta eccezione per la prua, dove il nostro amato tricolore spicca sotto il nome.

Nel solito percorso di esplorazione si passa dai ristoranti al casinò, dal ponte piscina alla zona di poppa, dove lo sguardo può volgere all’infinito in navigazione, il luogo più magico per chi ama le scie delle navi.

Ogni ambiente è legato ad un ricordo, ogni ponte racconta di risate e di divertimento, di amici e di famiglie, di sensazioni che affiorano toccando appena i corrimano.

Come sempre, salta agli occhi il perfetto ordine, dalle sdraio in ponte piscina sino ai tavoli del ristorante, pronti ad accogliere per la cena, tra qualche ora, i passeggeri rientrati a bordo dalle escursioni o appena imbarcati, con ancora tutto un bagaglio di emozioni e di ‘Ooooooh‘ di sorpresa da provare. 

Così come mi toccano i sorrisi del crew, i saluti mentre ci si incrocia nei vari ponti, la disponibilità a soddisfare, nei limiti del possibile in una visita nave, tutti i nostri piccoli desideri.

Non è mai facile nelle ship visit, perché non fai in tempo a respirare un po’ di aria di casa che subito ti annunciano la discesa a terra, che inevitabilmente significa lasciare a bordo un pezzetto di cuore.

Ci si dovrebbe sempre sentire come una regina, anche solo per un giorno.
(Viola Shipman)

A presto Diadema!

I numeri di Costa Diadema

  • Stazza: 133.019 tonnellate
  • Lunghezza: 306,02 metri
  • Larghezza: 37,19 metri
  • Altezza: 69 metri dalla linea di galleggiamento
  • Pescaggio: 8,3 metri 
  • Velocità max: 22,4 nodi
  • Cabine: 1.862
  • Passeggeri: massimo 4.947 passeggeri
  • Ponti: 15
  • Equipaggio: 1.253 unità

Si ringrazia Crociere Più per la collaborazione preziosa, in particolare Fabrizio Volpini. Ph: Simone Peroni Photographer

Follow @CrazyCruises

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

Licenza Creative Commons

07/12/2018 ore 15.00 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″

Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite. Sono sarda e son dello Scorpione, amo la mia terra perché mi ha insegnato a capire il mare in tutte le sue sfumature!

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle PlusYouTube

Pubblicità

Pubblicità