Norwegian Joy dalla Cina all’America dopo un refit da 50 milioni di dollari

Norwegian Joy dalla Cina all'America
Norwegian Joy dalla Cina all’America

Sarà MJM Marine ad occuparsi della ristrutturazione completa di Norwegian Joy, la seconda nave di classe Breakaway Plus di Norwegian Cruise Line, che sarà riposiziona sulla costa occidentale degli Stati Uniti.

In questo progetto da svariati milioni di dollari, MJM Marine svolgerà il ruolo di guida nella progettazione, produzione, installazione e gestione del progetto del refit degli interni della nave da crociera.

Gary Annett , CEO MJM Marine, ha dichiarato che la commessa per Norwegian Joy è la più grande ricevuta fino ad oggi dalla società e coinvolgerà un team di 1400 persone che completeranno i lavori in oltre 40 spazi in tutta la nave.

I lavori inizieranno a bordo di Norwegian Joy già l’11 marzo, in Cina, e saranno completati in 42 giorni sino al completamento, con l’arrivo della nave a Seattle il 21 aprile.

©Meyer Werft

La pianificazione dell’intero progetto è già iniziata nella sede MJM Marine di Newry, nell’Irlanda del Nord: il suo personale si imbarcherà in Cina e salperà alla volta di Singapore, dove si svolgerà il dry-dock, prima di dirigersi verso il Giappone. I lavori proseguiranno in mare mentre la nave raggiungerà Seattle negli Stati Uniti, dove verrà riconsegnata all’armatore.

Norwegian Joy affronterà poi una serie di crociere in Alaska prima di riposizionarsi a Los Angeles. 

Il costoso refit di 50 milioni di dollari su una nave che ha meno di due anni di servizio, riporterà Norwegian Joy allo splendore di una nave appena consegnata: sarà molto simile alle navi gemelle Norwegian Bliss e Norwegian Encore, che debutterà il prossimo novembre.

Norwegian Joy era stata appositamente progettata per il mercato orientale: decisamente lontana dagli standard tradizionali europei ed americani, prevedeva a bordo ben tre aree casinò e grandi spazi dedicati allo shopping, oltre ad un’area Spa (tanto amata dagli americani, quanto poco considerata dal pubblico cinese) rivista rispetto alle altre navi della flotta.

Norwegian Joy dalla Cina all'America

La contrazione del mercato cinese nel segmento del turismo crocieristico tuttavia, ha costretto la Compagnia ad una brusca (e direi costosa) marcia indietro, riposizionando Joy nel florido mercato del Nord America, che ha così ben accolto la sorella Bliss.

“Si tratta di un progetto complesso e complesso, di grandi dimensioni e di breve durata, che richiede una pianificazione e un’esecuzione meticolosa. Siamo lieti di unire le forze con MJM Marine, nostro partner affidabile dal 2015.

In un paio di settimane consegneremo ai nostri ospiti una splendida nave di nuova generazione.” ha dichiarato Colin Gant, Norwegian Cruise Line’s Vice President of Vessel Refurbishment.

Follow @CrazyCruises

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

Licenza Creative Commons

20/02/2019 ore 11.40 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″

Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite. Sono sarda e son dello Scorpione, amo la mia terra perché mi ha insegnato a capire il mare in tutte le sue sfumature!

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle PlusYouTube

Pubblicità

Pubblicità