Spectrum of the Seas scala in Italia prima di raggiungere l’Oriente

Spectrum of the Seas scala in Italia prima di raggiungere l'Oriente
Spectrum of the Seas scala in Italia prima di raggiungere l’Oriente

Per qualcuno sono i giorni della Pasqua, per altri sono giorni da spendere in viaggio ma per noi malati di crocierite il 20/21 aprile significa solo una cosa: arriva in Italia Spectrum of the Seas – prima a Civitavecchia poi a Napoli – la 26^ nuova unità della flotta Royal Caribbean International!

Saranno le prime e, per il momento almeno, ultime tappa in terra italiana, in futuro chissà cosa riserverà il fato! Queste tappe sono parte della crociera denominata Global Odyssey che, in 46 notti e toccando 17 paesi, condurrà Spectrum OTS sino a Shanghai, suo homeport per l’estate 2019.

Scalo a Civitavecchia per Spectrum of the Seas

La nave infatti è dedicata esclusivamente al mercato asiatico ed è partita dalla Spagna (Malaga e Barcellona) per proseguire a Civitavecchia e Napoli e al Pireo (Atene). Attraverserà poi il Canale di Suez, visiterà Aqaba (Giordania), Dubai, Emirati Arabi, Muscat (Oman), prima di dirigersi verso Pulau Penang (Malesia), Cochin (India) Singapore, Hong Kong e arrivare finalmente a Shanghai.

Quando il 3 giugno 2019 arriverà nel suo homeport di Shanghai, Spectrum of the Seas sarà la nave più grande e innovativa in Asia: nell’inverno 2019, la nave sarà posizionata a Hong Kong.

Scalo a Civitavecchia per Spectrum of the Seas

Prima unità di classe Quantum Ultra, Spectrum of the Seas è appena uscita dai cantieri navali tedeschi Meyer Werft che l’hanno costruita: questa versione ancora più moderna e più tecnologica della Classe Quantum, a cui appartengono le sorelle Quantum, Anthem e Ovation of the Seas, per il momento non sarà destinata a solchere i nostri mari.

Spectrum of the Seas vanta misure di tutto rispetto: lunga 347 metri, può ospitare 4.246 ospiti in doppia occupazione, conta 1.551 membri dell’equipaggio ed è, secondo la mia opinione personale, una delle classi più riuscite della Compagnia.

Elegante, dal design rivoluzionario, ricca di soluzioni tecnologiche, possiede anche tutte le attrazioni più innovative che hanno regalato diversi primati alla Royal Caribbean oltre che incontrare il gradimento del pubblico.

I suoi ospiti possono sperimentare nuove tipologie di cabine, nuovi ristoranti ed esperienze di bordo divertenti, studiate ad hoc per gli ospiti asiatici.

A fare la differenza su questa nave sarà anche l’area dedicata alle suite luxury Golden e Silver, posizionate sui ponti dal 13 al 16, a prua della nave: ci si accederà solo con una speciale keycard, avrà un ascensore privato, ristorante e lounge dedicati, oltre a una serie di servizi esclusivi, come l’accesso a The Balcony lo spazio privato per prendere il sole, rilassarsi e godere di un panorama unico, e a The Boutique, l’esperienza che consente uno shopping a misura di ospite, super personalizzato. Se vi assale la voglia irrefrenabile di acquistare nelle boutique di bordo, potrete farlo senza che nessuno possa disturbarvi e con un maggiordomo pronto a portare direttamente in cabina i pacchi. Non male per le novelle Sarah Jessica Parker versione Carrie Bradshaw in Sex and the City no?

Se si sceglie di viaggiare con tutta la famiglia al seguito, la Ultimate Family Suite, è perfetta: 260 mq divisi su due piani, che può ospitare fino a 11 persone in ben tre camere da letto e con uno spazio dedicato ai bambini al piano superiore e un divertente scivolo per raggiungere la zona giorno. E comprensiva di attrezzature audio surround per karaoke, film e videogiochi…manca qualcosa all’appello?

L’offerta gastronomica di bordo è a dir poco fantastica e adatta a tutti i gusti. Accanto ai punti di ristoro principali con proposte di cucina cinese e occidentale diverse ogni giorno, sono disponibili:

  • specialità internazionali, come il tanto amato Jamie’s Italian dello chef britannico Jamie Oliver che offre specialità italiane;
  • ristoranti giapponesi come Teppanyaki e Izumi;
  • cucina cinese autentica del Sichuan Red;
  • il nuovo Wonderland’s Dadong, curato dallo chef stellato Dong Zhenxiang, famoso per la sua cucina imperiale e la cottura sublime dell’anatra arrosto;
  • la tradizionale sala da tè e caffetteria del Leaf and Bean, che offre un’ampia gamma di tè cinesi, caffè e anche dolci e pasticcini cinesi e occidentali, sempre appena sfornati.

Tra i divertimenti a bordo non si può tralasciare lo Star Moment, un locale per il karaoke, amatissimo dagli ospiti orientali e che decisamente pare non possa mancare sulla nave a loro dedicata.

Potenziato invece il SeaPlex, il più grande complesso sportivo e di intrattenimento al coperto in mare: la scelta è tra autoscontro, pattinaggio a rotelle, pallacanestro e tante altre divertenti attività. La noia è bandita dalle navi Royal Caribbean ma questo già lo sapete!

Scalo a Civitavecchia per Spectrum of the Seas

Altra novità è lo Sky Pad, il trampolino di bungee jumping con realtà virtuale, situato a poppa della nave e che ha debuttato a bordo di Independence of the Seas.

Anche sulla classe Quantum Ultra è presento North Star, la capsula trasparente con vista panoramica a 360°, agganciata a un braccio meccanico che permette di portare i crocieristi a 90 metri sopra il livello del mare che offre la possibilità di vedere da un punto di vista privilegiato il panorama intorno a noi.

Ma tornano anche:

  • RipCord di iFly, il simulatore di paracadutismo;
VID-20190420-WA0013

  • FlowRider, il simulatore di surf;
Scalo a Civitavecchia per Spectrum of the Seas

Two70, location all’avanguardia con ampie finestre dal pavimento al soffitto con vista a 270 gradi sull’oceano e tecnologia Vistarama, che trasforma le finestre panoramiche in una superficie di proiezione di spettacoli digitali, animati da sei grandi Roboscreen controllati da potenti e agili braccia robotiche. Qui inoltre, si possono provare nuove esperienze di realtà aumentata per trasportare i crocieristi in mondi avventurosi.

Royal Caribbean International non ci regalerà per il momento la gioia di provare una nave di classe Quantum nei nostri mari, ma scalerà i nostri porti con altre navi:

  • Oasis of the Seas, che torna a navigare nel Mediterraneo dalla primavera del 2019 con partenze anche da Civitavecchia;
  • Jewel of the Seas che partirà sempre dal porto laziale e che vi offrirà crociere nel Mediterraneo occidentale, alla scoperta delle isole greche o in Terra Santa;
  • Rhapsody of the Seas che da Venezia partirà per le isole greche.

In Italia Royal scalerà anche a Portofino, La Spezia, Salerno, Livorno, Messina, Catania, Cagliari, a riprova della centralità del Belpaese nel mercato crocieristico del Mediterraneo.

Tra i debutti da non perdere? Quello di Celebrity Edge a Civitavecchia a brevissimo: l’attesissima ammiraglia di Celebrity Cruises, un’altra delle compagnie del gruppo Royal Caribbean, navigherà nel Mare Nostrum per tutto il periodo estivo, toccando località come Santa Margherita Ligure, Napoli, Palma di Maiorca, Montecarlo e alcune delle più affascinanti isole della Grecia.

Fatemi ringraziare la Royal Caribbean International per il cortese invito a bordo, Dreamlines Crociere (in particolare Michele Parisi) e il nostro Fabrizio Volpini, nonché la nostra Marisa Virtù.

Follow @CrazyCruises

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

Licenza Creative Commons

20/04/2019 ore 16.30 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″

Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite. Sono sarda e son dello Scorpione, amo la mia terra perché mi ha insegnato a capire il mare in tutte le sue sfumature!

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle PlusYouTube

Pubblicità

Pubblicità