Montenegro, una sorprendente meta turistica

Montenegro, sorprendente meta turistica
Montenegro, sorprendente meta turistica

Nella stagione estiva tutte le compagnie crocieristiche volgono il loro sguardo al Mediterraneo proponendo itinerari affascinanti sia dal lato orientale che da quello occidentale.

Le città portuali si animano di crocieristi e vacanzieri che sbarcano alla scoperta di nuovi territori, profumi, gusti, panorami e di qualche souvenir da portare con sè come ricordo di una meravigliosa giornata.

Montenegro, sorprendente meta turistica
E guardo il mondo da un oblò…

Se è vero che le più ambite nel periodo estivo restano le isole greche, Mykonos e Santorini in testa a tutte, ho notato piacevolmente che c’è un’altra meta che piano piano sta prendendo piede a livello turistico, se vogliamo, grazie proprio alle soste delle navi da Crociera.

Sto parlando del Montenegro.

Io stessa non avevo mai preso in considerazione questa nazione dei Balcani come meta di vacanza e devo confessarvi che quando vidi la tappa di Kotor in itinerario la prima volta, rimasi un po’ dubbiosa sulla località.

Informandomi meglio e dopo esserci stata ben 2 volte posso dire di esserne rimasta estasiata ed ogni volta è un piacere tornare.

Montenegro :una piacevole scoperta
Panorama della baia di Kotor

Il Montenegro ha una storia molto travagliata alla spalle: grazie alla sua posizione strategica nel Mare Nostrum, Romani, Serbi, Ottomani hanno tentato di assoggettare più volte i montenegrini non riuscendoci, lasciando la loro presenza sul territorio che ancora oggi è ben visibile.

Pur essendo uno dei più piccoli stati europei oltre che il più giovane (è nato solo 13 anni fa da un referendum che decretò l’indipendenza dalla Serbia) è possibile trovare qui il giusto connubio tra mare e montagna, storia e tradizioni.

Entrando in porto

Certamente quello che colpisce del Montenegro è il suo paesaggio: montagne simili ai fiordi norvegesi, piccole città incastonate nella roccia, mare cristallino con le sue numerose baie vi accoglieranno per una vacanza rilassante da maggio a ottobre.

Quali sono le cose da non perdere se arrivate in Montenegro con una nave da crociera?

1) Entrata e uscita dal fiordo

L’entrata nella baia di Cattaro è una delle cose che solo quella vale il biglietto della vostra crociera: l’esperienza unica della navigazione lenta in ingresso o in uscita della nave è una delle cose più emozionanti della giornata e che vi consiglio di non perdere assolutamente.

Navigazione nella baia di Cattaro

Piano piano la nave scivola sull’acqua e davanti ai vostri occhi si apre a scrigno la baia, regalando l’immagine di montagne a picco sul mare e piccoli villaggi ai loro piedi.

Durante la navigazione

Insenature frastagliate creano un paesaggio costiero d’impatto tanto da paragonarle ai fiordi norvegesi e darle l’appellativo di ‘fiordo europeo più a sud’.

Uno scenario talmente incredibile da far sì che anche l’UNESCO lo annoveri tra i suoi patrimoni.

2) Alla scoperta di sentieri per immortalare l’intero panorama montenegrino

Vi abbiamo già parlato, in un post dedicato, delle bellezze della cittadina di Kotor e di cosa visitare una volta in città.

Il mio consiglio è di fare una passeggiata tra le stradine strette e ciottolose ma non solo: se non avete problemi nel camminare e siete di spirito avventuriero, allora vi propongo la scalata lungo la muraglia a zig zag, là dove il sentiero della montagna porta al Castello di San Giovanni.

Salita lungo la muraglia

Che fatica! Personalmente mi sono fermata a metà strada, all’altezza della chiesa che si trova lungo il cammino.

Ma che vista sull’intera baia! Qui ammirerete a bocca aperta la bellezza del paesaggio montenegrino in uno dei punti panoramici mozzafiato.

Che spettacolo la vista sulla baia dopo tanta fatica!

Per tutti coloro che invece non se la sentissero di affrontare la salita (in realtà è peggio la discesa) non temete: i taxi locali vi permetteranno di godere e di meravigliarvi davanti a cotanta natura raggiungendo uno dei punti panoramici in cui sono previste delle piazzole di sosta da cui poter scattare foto ricordo.

Montenegro

3) Montenegro: visitare alcune vicine località in una sola giornata

Durante la mia ultima crociera, con un gruppo di amici abbiamo deciso di scoprire cosa offre la costa senza allontanarci troppo.

Avevo sentito parlare di Perast, piccolo borgo montenegrino a pochi chilometri da Kotor che si snoda lungo le bocche di Cattaro.

Nato come piccolo villaggio di pescatori, oggi è uno dei luoghi più frequentati della zona e merita senz’altro una visita.

Perast

Molto ben curato e tenuto, Perast conta solo 360 abitanti e ciò che colpisce a prima vista sono il silenzio e la tranquillità che si respira intorno: qui gli edifici sono stati tutti ristrutturati ed il candore delle facciate dei palazzi risplende durante le belle giornate di sole.

Perast

Essendo una cittadina molto piccola, è fatto divieto per i non residenti di entrare con le auto: tutti i taxi invitano i visitatori a percorrere un piccolo tratto a piedi e raggiungere il molo del villaggio da dove è possibile imbarcarsi per un’affascinante escursione nella baia di Risano.

Le due isole difronte Perast

Di fronte alla cittadina di Perast sorgono infatti 2 isolotti (visibili anche dalla nave durante la navigazione) uno naturale ed uno artificiale raggiungibili con piccole imbarcazioni che partono dal molo ogni 30 minuti circa al costo di 5€ a persona:

  • Santuario della Madonna dello Scalpello: sorge su quest’isola artificiale (l’unica nell’Adriatico) e custodisce al suo interno 68 dipinti dell’artista veneziano Tripo Cocoglia oltre ad una ricca collezione di ex voto.
Santuario della Madonna dello Scalpello

La chiesa al suo interno è molto raccolta e quello che affascina il visitatore è il panorama circostante oltre che la sua storia.

Si narra infatti che originariamente sull’isola, che era un semplice scoglio, venne trovata una immagine di una Madonna con in braccio un bambino. I marinai decisero di portare il quadro nella vicina chiesa di San Nicola a Perast ma il giorno seguente scomparve e venne ritrovata nuovamente sullo scoglio.

Così a partire dal 22 luglio 1452 venne piano piano costruita dai marinai quest’isola artificiale dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Interno del Santuario

Se vi trovate da queste parti il 22 luglio è grande festa e il momento più emozionante è la processione delle barche che costeggiano lungo il fiordo.

  • Isola di San Giorgio: è un’isola naturale che oggi ospita un’abbazia benedettina, purtroppo non è visitabile e la si può ammirare solo da lontano.
Isola di San Giorgio

La visita a Perast richiede poco tempo, si tratta di una passeggiata sul lungomare dove potrete visitare delle chiese o gustare un piatto tipico in uno dei tanti locali che si affacciano sul mare.

Se non siete stanchi, vi consiglio di visitare anche qualche altro villaggio nei dintorni come Budva, dove vi perderete fra i suoi bellissimi vicoli in stile veneziano o Risan, dove sono conservati i resti di una villa patrizia romana del III secolo con dei bellissimi pavimenti a mosaico.

Per raggiungere questi luoghi avete varie opzioni come sempre:

  • acquistare l’escursione con la compagnia;
  • affidarvi ad uno dei taxi locali (trattate sempre sul prezzo);
  • hop on hop off (se attivi nel giorno del vostro arrivo) oltre al giro nei dintorni include anche una guida turistica parlante italiano che vi attenderà a Kotor per il giro a piedi della città;
  • gita in barca dal molo vicino all’attracco della vostra nave.
Montenegro, sorprendente meta turistica

Dopo essere stati in Montenegro sono certa che anche voi come me vorrete ritornare e trascorrere qualche giorno in questa terra e con l’occasione di conoscerla meglio e rivedere quei paesaggi che ci hanno permesso di conoscere un altro volto dei Balcani, più vero, più autentico, più naturale.

Alla prossima!

Follow @CrazyCruises

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

Licenza Creative Commons

08/07/2019 ore 12.00 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″

Rosamaria Caputo
Rosamaria Caputo

Mi è bastata una sola crociera per essere colpita da crocierite acuta. Dallo spirito attivo e intraprendere, sono sempre a caccia di promo e pronta a fare la valigia! Adoro viaggiare e scoprire posti nuovi

More Posts

Follow Me:
Facebook

Pubblicità

Pubblicità