Georgios Iatrou: il Comandante dei sette mari

Non c’è dubbio che la figura più importante e carismatica a bordo di una nave da crociera sia quella del comandante.

Per me, se un comandante è sorridente, disponibile a parlare con gli ospiti e ha un tono di voce e un modus operandi rassicurante, significa molto.

Georgios Iatrou: il comandante dei sette mari

Georgios Iatrou: il comandante dei sette mari

Poi magari durante la crociera tutto va bene e non ci sono intoppi, o almeno gli ospiti non se ne accorgono, e quindi non è possibile testare ulteriormente la sua reale abilità.

Se invece durante la navigazione si presenta qualche problema più “importante”, allora in questo caso si potrà capire veramente di che pasta è fatto il nostro comandante.

Insomma, come in tutti i campi, l’efficienza viene fuori nel momento in cui si presenta un imprevisto.

Nella mia crociera con Celebrity Millennium alla volta dell’Asia, ho avuto modo di sperimentare quanto sopra affermato.

Georgios Iatrou: il comandante dei sette mari

Il comandante, Georgios Iatrou, che ho anche avuto l’onore di intervistare, ha infatti dovuto affrontare un’emergenza maltempo.

Dopo aver visitato i porti del Vietnam, la nave doveva fare scalo per un giorno a Hong Kong, proseguire poi per le Filippine e infine toccare il porto di Kota Kinabalu in Malesia.

Purtroppo le previsioni meteo sono improvvisamente peggiorate e sulla zona delle Filippine era previsto un ciclone proprio nei giorni in cui avremmo dovuto navigare in quelle acque.

Per nostra fortuna il comandante ha preso la saggia decisione di prolungare di un giorno la sosta a Hong Kong e saltare lo scalo di Kota Kinabalu.

Georgios Iatrou: il comandante dei sette mari

Questo ci ha consentito di schivare il peggio della tempesta e inoltre di goderci un overnight in una delle città più interessanti al mondo.

Alla partenza da Hong Kong e nei due successivi giorni di navigazione abbiamo avuto mare mosso, ma niente comparato a quello che avremmo potuto trovare.

Questo cambio di itinerario ha accontentato tutti gli ospiti, e soprattutto i costanti annunci fatti dal comandante durante questa emergenza ci hanno rassicurato e rasserenato.

Georgios Iatrou: il comandante dei sette mari

Accompagnata dall’event coordinator mi sono recata nell’ufficio del comandante. Non avevo idea di dove potesse essere, e ho scoperto che era al ponte otto, dietro una di quelle paratie dove c’è scritto “solo per il personale”.

Al là si scopre una nuova zona della nave e si arriva all’ufficio del “capo”. Una stanza spaziosa e luminosa, decorata con sobrietà, con il modellino di una nave che troneggiava al fondo.

Il comandante Georgios è di origini ateniesi e mi sono subito resa conto che per lui l’ospitalità è sacra, come per la maggior parte dei popoli mediterranei.

Georgios Iatrou: il comandante dei sette mari

Ha un sorriso contagioso e un modo di fare che ti mette subito sentire a tuo agio. Questo l’avevo già notato nei giorni precedenti quando lo vedevo girare per la nave e fermarsi a scambiare un battuta o a rispondere a una domanda posta da un ospite.

Il suo curriculum è impressionante, proviene da una famiglia di origini marinare, ha servito nella marina militare greca e in seguito ha lavorato a bordo di pescherecci e grandi yacht.
Tutto questo gli ha consentito di testare il mare in ogni situazione. Quando gli chiedo qual è stata l’esperienza più difficile che ha dovuto affrontare, mi risponde che praticamente non ha ancora incontrato situazioni che non abbia già affrontato in precedenza.

Georgios Iatrou: il comandante dei sette mari

La sua carriera con Celebrity Cruises è iniziata nel 2001 come secondo ufficiale e dopo pochi anni è stato promosso comandante.

La sua prima crociera da comandante è stata proprio su Millennium e quindi è particolarmente affezionato a questa nave, anche se ha girato tutte le navi della flotta e navigato per tutti i mari.

Mi dice che praticamente Celebrity con i suoi itinerari copre tutti i possibili porti crocieristici e nella mia mente partono subito ricordi fantastici di quando da ragazzina leggevo le avventure dei capitani che solcavano i sette mari.

Appena diventato comandante è subito stato messo alla prova con quella che è una delle manovre più complesse da affrontare, il passaggio del canale di Panama.

Non ho mai mai provato quell’esperienza, ma a sentire la sua descrizione, mi pareva quasi di vedere e soprattutto capire come fa una grande nave a passare in uno spazio così angusto.

Abbiamo anche parlato del porto di Hong Kong, e mi ha subito avvisata che avrebbe fatto freddo e la temperatura massima sarebbe stata di otto gradi.

Georgios Iatrou: il comandante dei sette mari

Io ero già preparata all’evenienza, ma dato che nei giorni passati aveva fatto caldissimo, molti crocieristi a bordo non si erano attrezzati in modo adeguato e appena scesi a terra hanno subito preso d’assalto i primi negozi che vendevano maglie e giacche a vento.

Il comandante Georgios è sposato, ha due figli e vive in Inghilterra, precisamente a Cambridge.

Mi ha confessato che sente la mancanza del clima greco quando è lì, ma dato che ha sposato un’inglese, è dovuto scendere a compromessi.

Torna spesso nella sua Atene e la sua passione sono le immersioni subacquee.

I suoi porti preferiti sono Sidney e Venezia e l’itinerario che più lo affascina è l’Alaska, in quanto ha un paesaggio mozzafiato e ogni volta che lo visiti trovi qualcosa di differente, una luce, un colore che non avevi notato prima o semplicemente non c’era in quanto sono cambiate le condizioni meteorologiche o geologiche.

Georgios Iatrou: il comandante dei sette mari

La mia opinione personale su questo comandante è che ami davvero spassionatamente il lavoro che fa e la compagnia per la quale lavora.

Quello che lo rende più felice è vedere che gli ospiti sono soddisfatti e scherzando afferma che alcuni passeggeri oppongono resistenza e non vogliono più scendere al termine della crociera.

Inoltre è orgoglioso del suo equipaggio, è convinto che Celebrity Cruises consenta di avere dipendenti soddisfatti e motivati e questo è il segreto per far sì che gli ospiti che saliranno a bordo vivranno la crociera come un’esperienza unica e gratificante al massimo livello.

Georgios Iatrou: il comandante dei sette mari

La mia crociera è proseguita senza altri problemi ed è davvero stata un’esperienza unica. Ho capito in questa situazione che posso veramente fidarmi di un comandante come Georgios Iatrou, e di conseguenza di tutti i comandanti di questa flotta, in quanto sono preparati ad affrontare e a risolvere al meglio situazioni di emergenza e con l’aiuto della tecnologia attuale hanno a disposizione uno staff a terra che li assiste in ogni tipo di problema.

Ormai mi sento pronta a salpare, per qualunque avventura, e a solcare i sette mari , non importa quanto agitati e tempestosi possano essere.

Image credits: Cinzia Marchisio, all rights reserved

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

02/03/2016 ore 17.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.
Cinzia Francesca Marchisio
Cinzia Francesca Marchisio

Cruise addict convinta, con la bellezza di oltre 300 giorni di crociera alle spalle, in passato ha collaborato per otto anni con il portale di ItalianSubs, utente molto attiva in Cruise Critic, è inoltre admin di Croceristi per la vita

More Posts

Pubblicità

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *