Fincantieri sigla accordo per prime due navi da crociera cinesi

Fincantieri ha firmato oggi a Shanghai un accordo non vincolante per la costruzione delle prime nuove navi da crociera Made in China, che saranno destinate in via esclusiva e appositamente personalizzate per il mercato cinese e asiatico.

Fincantieri sigla accordo per prime due navi da crociera cinesi

Fincantieri sigla accordo per prime due navi da crociera cinesi

L’accordo tra Fincantieri e China State Shipbuilding Corporation (CSSC) riguarda anche Carnival Corporation* e CIC Capital Corporation (CIC Capital): presenti alla firma

  • l’AD di Fincantieri, Giuseppe Bono
  • il presidente di CSSC (China Shipbuilding State Corporation, principale gruppo cantieristico statale cinese con un fatturato annuo di 30 miliardi di dollari e 12 cantieri) Wu Qiang
  • il presidente di CSSC Cruise Technology Development e del cantiere di Shanghai, Qang Qi
  • l’ambasciatore d’Italia
  • il console generale d’Italia a Shanghai
  • le istituzioni cinesi.

Si tratta di una firma che prevede il rispetto di diverse condizioni, inclusi il perfezionamento della joint venture in via di costituzione tra Fincantieri e CSSC e il finanziamento: dal canto suo Fincantieri deve fornire alla joint venture anche servizi di consulenza specifica e alcuni componenti chiave delle navi.

Fincantieri sigla accordo per prime due navi da crociera cinesi

L’accordo prevede la costruzione nel cantiere Shanghai Waigaoqiao Shipbuilding (SWS), sito del gruppo CSSC, di due nuove navi da crociera ordinate dalla joint venture di cui faranno parte Carnival Corporation, CSSC e CIC Capital, con l’opzione anche per due ulteriori unità.

Per quanto riguarda il design si va sul sicuro per il momento: si utilizzerà infatti la stessa piattaforma delle navi della classe Vista, che ha realizzato Fincantieri per il gruppo Carnival; entrambe le navi avranno una stazza lorda di 133.500 tonnellate e saranno in grado di trasportare 5.000 passeggeri.

Si differenzieranno nel design personalizzato secondo i gusti dei clienti cinesi e convergeranno di sicuro in un nuovo brand crocieristico cinese, che nasce dalla joint venture tra Carnival, CSSC e CIC Capital (che si occuperà anche di operare le unità).

La prima consegna è prevista per il 2022.

Fincantieri sigla accordo per prime due navi da crociera cinesi

L’accordo fa seguito a quello dello scorso luglio tra Fincantieri e CSSC per la costituzione di una joint venture finalizzata allo sviluppo e alla crescita dell’industria crocieristica cinese: l’ingresso a piè pari nel mercato crocieristico cinese, consentirà a Fincantieri di presidiare come firt mover lo sviluppo di un mercato strategico e ad alto potenziale, evitando al contempo che i competitor europei acquisiscano una posizione di rilievo nell’area“.

Questo anche in virtù della forte crescita del mercato crocieristico cinese, che ha già registrato un milione di passeggeri nel 2015, con prospettive di crescita stimate in 4,5 milioni di passeggeri nel 2020 (facendo di questo mercato il secondo al mondo dopo quello americano) e in 8-10 milioni nel 2030, con una crescita annua a due cifre: trend che, se confermato dai fatti, renderebbe il mercato cinese primo in assoluto.

Fincantieri sigla accordo per prime due navi da crociera cinesi

Farsi trovare preparati è indispensabile: Giuseppe Bono AD di Fincantieri ha dichiarato

“Questo nuovo accordo rileva una volta di più il primato delle competenze tecniche e tecnologiche di Fincantieri, e ci pone al centro di un progetto senza eguali al mondo che è promosso direttamente dal governo cinese attraverso un programma molto ambizioso.

Ci siamo attrezzati per affrontare i nuovi scenari internazionali, e oggi veniamo prescelti come il partner cantieristico dello sviluppo della crocieristica di un Paese che guarda con grande determinazione a questa industria.

Anche la presenza del nostro principale cliente Carnival, che acquisterà le navi oggetto degli accordi, è di fondamentale importanza per il successo del progetto”.

Ai detrattori e a chi vede un chiaro assist ai cinesi, che hanno tutto da guadagnare anche per quanto riguarda una formazione in cui i cantieri europei sono i primi al mondo, Bono risponde che i cantieri navali italiani hanno assicurato il lavoro mediamente per i prossimi dieci anni, e che dall’accordo “potranno derivare ulteriori benefici relativi sia alla componentistica che all’ingegneria, entrambe di assoluto livello”.

Fincantieri sigla accordo per prime due navi da crociera cinesi

*Sempre stamane, ma nella cornice dell’undicesima edizione del China Cruise Shipping and International Cruise Expo che si sta svolgendo a Tianjin, Carnival Corporation ha firmato l’accordo diretto (in qualità di Compagnia di crociera) per la costruzione delle due navi da crociera con la China State Shipbuilding Corporation (CSSC), con un’opzione per altri due.

Le navi saranno di proprietà cinese in joint venture con Carnival Corporation, e molto probabilmente rientreranno in un nuovo marchio che sarà creato a breve. Le navi, come dichiarato, saranno costruite sulla piattaforma Carnival Vista in collaborazione con Fincantieri.

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

23/09/2016 ore 14.00 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″

Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite

More Posts - Website - Twitter - Facebook - LinkedIn - Pinterest - Google Plus

Pubblicità

Pubblicità

Lascia il tuo commento al post