Cosa vogliono i crocieristi

Se c’è una domanda che si rincorre spesso ovunque mi capiti di leggere di crociere è ‘cosa mi devo aspettare da una vacanza in crociera?‘, declinata in mille sfumature diverse ma il cui significato è sempre quello.

Sochi : una città molto europea e poco russa

Cosa vogliono i crocieristi

A svelarlo in parte è un sito molto interessante sotto diversi punti di vista CruiseLine.com, che tra le altre cose, raccoglie le recensioni puntuali da parte degli utenti: e proprio per festeggiare il suo commento numero 100.000, ha pensato di condividere alcune interessanti riflessioni in base alle recensioni scritte dai suoi utenti, che sono un piccolo specchio sulle tendenze nel settore crociere.

Prima crociera e momento WOW!

E’ così che si scopre che al di sopra di tutto vince sempre la prima volta in crociera: questo lo noto tutti i giorni in ogni gruppo su Facebook o sui siti e forum che mi capita di spulciare. La prima volta è sempre ricordata con estremo piacere, al netto degli incontentabili che, in ogni caso, sono una piccolissima minoranza!

Cosa vogliono i crocieristi

Quando si rientra, ci si sente come parte integrante del gruppo nel quale per mesi hai sognato la tua vacanza e il ricordo nostalgico colpisce nello stesso identico modo in cui è stato descritto da tutti gli utenti: sensazione di malinconia, voglia di ripartire subito, ma soprattutto la voglia di raccontare nei minimi dettagli la bellezza della nave, le sue mille luci, i suoi divertimenti, tanto che, spesso, ti dimentichi le piccole mancanze, nel caso ci siano state!

Anche secondo il sito in questione c’è un riscontro in tal senso: chi rientra dalla sua prima crociera scrive una recensione entusiastica con voti che superano il 10% quelli dei crocieristi che già sono saliti a bordo di una nave. Semmai nasce, al limite, il problema opposto, anche questo riscontrato nei social, di chi, nelle crociere successive, sa già cosa aspettarsi e per cui il non rivivere nei dettagli la crociera precedente diventa poi motivo di delusione, piccola o grande dipende sempre dalle persone. La cosa stranissima è che la delusione non dipenda affatto dal tipo di crociera fatta in secondo step, cioè più o meno costosa, ma dipenda assolutamente dal non poter rivivere le stesse identiche sensazioni!

Ecco perché io mi incaponisco spesso nel suggerire di cambiare spesso e volentieri nave e Compagnia: avendo ognuna le sue caratteristiche, ogni volta è come salire a bordo per la prima volta ed è un riprovare le stesse identiche emozioni.

Harmony of the Seas cerca madrina

Una delle cose che però non riesco a capire fino in fondo, è il conoscere nei mille dettagli ciò che andrò a vivere: a parte le solite identiche domande presenti in ogni dove, come ‘posso portarmi il phon?‘, oppure ‘la piastra per i capelli me la sequestrano?‘ o ancora ‘ devo portarmi gli asciugamani da casa?‘…domande legittime per carità, ma di cui si trova risposta nelle faq dei siti ufficiali se non addirittura nel contratto che la vostra agenzia di viaggio vi consegna.

Ma nei tempi del voglio sapere tutto e subito e del ‘non ho voglia di spulciare e leggere’, fare le domande a bruciapelo nei vari gruppi Facebook ti permette di ricevere risposta immediata (tralasciando coloro che pubblicano la stessa domanda in mille gruppi a cui si sono iscritti, nei quali ricevono le medesime risposte, il che fa un pochino sorridere direi).

Imparare a dosare le nostre aspettative ci permette di avere il nostro momento WOW ogni volta che saliamo a bordo, non credete? Un po’ di mistero è d’obbligo in certi casi!

Sforzi ripagati

Ciò che salta all’occhio è che tutti gli sforzi delle Compagnie per rendere le vacanze in crociera ancora più appetibili, abbiano chiaramente dato i loro frutti, tanto che il comparto è sempre in netta crescita, nonostante il periodo di crisi generale.

La colonna sonora delle mie crociere

E ciò si nota anche nelle recensioni: aumentano le recensioni a 5 stelle, si danno molto più frequentemente e l’indice di soddisfazione è nettamente migliore; una soddisfazione che si traduce in un +35% rispetto agli anni passati.

Ma cosa attrae di più i crocieristi di oggi? Al primo posto il cibo e la varietà di ristorazione offerta a bordo, spesso stellata e di qualità eccellente in alcuni casi, seguita dall’intrattenimento (decisamente migliorato rispetto al passato, tanto che alcune compagnie hanno a bordo spettacoli di Broadway), e dalla qualità degli alloggi a bordo, che diventano molto più confortevoli e da scegliere su una pletora di dimensioni e prezzi ormai molto ampia. Ciò contribuisce maggiormente a far aumentare i punteggi dei crocieristi.

Chi recupera chi

Nella galassia di Compagnie di crociera, ce ne sono alcune che sono più gradite di altre, sia per qualità di offerta di bordo, che come soddisfazione al passeggero.

Cosa vogliono i crocieristi

Tra quelle che spiccano di più secondo il sito, e che hanno ricevuto eccellenti valutazioni, Disney Cruise Line, che si prende un vantaggio astronomico rispetto alla concorrenza in termini di soddisfazione complessiva, costantemente intorno a 4,6.

A seguire, Celebrity Cruises, che ruba il secondo posto a Royal Caribbean (di cui comunque fa parte), con un punteggio di 4,2, mentre Royal Caribbean International ha un 3,8.

Molto ben posizionate nella classifica di gradimento anche Norwegian Cruise Line, che gareggia, si fa per dire, testa a testa con Carnival Cruise Line.

Cosa vogliono i crocieristi

Non è che ci sono molti giri di parole da fare: ciò che principalmente ha importanza reale è la sistemazione a bordo. La cabina viene prima di tutto: che sia interna, esterna, con balcone o suite, non importa. Deve soddisfare un minimo di requisiti ed è la base da cui partono poi il resto delle recensioni.

Quelle cabine che nessuno mai vi suggerirà di prenotare!

Anche sui social, stesso discorso: se si riscontrano problemi con la propria cabina, nella maggioranza dei casi il resto diventerà secondario ed assumerà un contorno anch’esso negativo.

Come dire: toglietemi tutto ma datemi una sistemazione decente, pulita e che rispetti i requisiti per i quali ho pagato. Il resto viene da sé.

I migliori porti? A sorpresa non sono in Caraibi

Strano ma vero: secondo il sito, i porti che sono più graditi sono quelli del Mediterraneo Orientale. Ora, con i problemi di stretta attualità, sarà curioso stabilire se anche nel prossimo futuro si manterranno nella vetta. Come sapete, in seguito ai fatti della Turchia di alcuni mesi fa, molti porti hanno subito cancellazioni pesanti ed il giro del Mediterraneo è sempre più ristretto.

A seguire nell’ordine il Mediterraneo Orientale, è l’Australia, seguita dal Baltico e dalle favolose Hawaii e solo dopo arrivano i Caraibi.

Istanbul per crocieristi navigati

Image by istanbultours.by

Partire in primavera o in autunno è meglio!

In ultima analisi, il sito mostra quando i suoi recensori preferiscono partire: la stagione migliore è la tarda primavera o l’inizio dell’autunno. Quando cioè i ragazzi/bambini tornano a scuola e c’è meno confusione. Perché, per quanto le mamme si sbraccino a difendere a spada tratta, in tutto il mondo il problema del chiasso, della confusione, del non rispetto delle regole, è sentito tantissimo!

E ciò, fatemelo dire anche se poi mi attirerò strali, è colpa in primis del troppo permissivismo dei genitori: se mio figlio è educato per bene, mai si sognerebbe di andare in giro nel primo pomeriggio urlando come un pazzo in mezzo a chi vuole riposare, o saltando in piscina come se fosse la finale del trampolino 10 metri, o buttando il cibo per terra e via dicendo!!! E’ ovvio che si sta facendo un discorso in generale, ma il problema c’è eccome!

Bimbo rischia di annegare su Oasis of the Seas: aggiornamento

Considerazione personale a parte, leggo che il problema è molto sentito da un grande numero di passeggeri: dunque via alle crociere d’autunno o di primavera, che, oltre a beneficiare di costi più accessibili e a volte di offerte imperdibili, fanno godere al meglio di tutto ciò che a bordo si trova, relax compreso!

Siete d’accordo coi lettori del sito oppure no? Fateci sapere, qui o sulla nostra pagina Facebook, vi aspettiamo 🙂

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

13/09/2016 ore 16.00 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″

Daniela Pisano
Daniela Pisano

Blogger e cruise addict, viaggiare è sempre stato il mio chiodo fisso, insieme alla passione innata per l’archeologia e l’Egitto, per il mare e per i paesi orientali. Amo fotografare i particolari più strani, le cosiddette prospettive insolite. Sono sarda e son dello Scorpione, amo la mia terra perché mi ha insegnato a capire il mare in tutte le sue sfumature!

More Posts - Website - Twitter - Facebook - LinkedIn - Pinterest - Google Plus

Pubblicità

Pubblicità